Venezia 73, cerimonia d’apertura tra red carpet e “zona rossa”

La sobrietà, il cordoglio e la vicinanza agli abitanti dei centri colpiti dal terremoto nel Centro Italia e lo stato d’allerta per gli attentati terroristici abitano anche Venezia 73, una delle kermesse più note e scintillanti del panorama cinematografico italiano e internazionale che, fino al 10 settembre, desterà l’interesse di migliaia di spettatori e appassionati del settore.

Tra i blocchi di cemento armato, le barriere jersey antisfondamento e il rispetto al lutto nazionale (in segno di solidarietà alle vittime del sisma infatti, il capo dello Stato, Sergio Mattarella, non ha preso parte alla manifestazione e i tradizionali cena di gala e ricevimento sulla spiaggia sono stati cancellati), questa 73esima edizione della mostra del Cinema di Venezia ha preso il via ieri, mercoledì 31 agosto, in un clima contenuto e decisamente più ingessato, nonostante premiere di film d’eccezione – il primo a rompere il ghiaccio è stato il musical di Damien Chazellee, “La La Land”- ed ingressi trionfali dei volti noti dello star system che, come ogni anno, catalizzano l’attenzione mediatica con look sfavillanti ed estrosi, sfoggiati con estrema eleganza e savoir faire sul red carpet inaugurale.

Venezia 73: ecco i beauty look scelti delle star

Non passano di certo inosservati gli outfit di Valentina Lodovini, avvolta in un aderente abito bianco a sirena di Stella McCartney che, grazie a una profonda scollatura a V sul décolleté e a un provvidenziale blazer dello stesso colore, evidenziava e modellava perfettamente le curve piene e rotonde della giurata, di Emma Stone, meravigliosa nella sua mise luccicante color argento firmata Atelier Versace, particolarmente adatta per la presentazione del film che la vede protagonista, “La La Land”, e di Cristiana Capotondi che, grazie ad una scollatura vertiginosa e ai dettagli squisitamente retrò del vestito disegnato da Miu Miu, incanta senza sforzo la passerella.

Luccichii e dettagli preziosi anche per la madrina della kermesse, Sonia Bergamasco, che, dopo il tradizionale bagno sulla spiaggia, fasciata solo dall’abito di velo Armani, non si fa remore a stregare fotografi e media con un modello etereo dal taglio simmetrico, realizzato da Armani Privé e arricchito da brillanti e decori romboidali, mentre Bianca Balti punta tutto su Jean Paul Gautier, sfoggiando in esclusiva un completo decisamente più casual, composto da un mini dress e da trench dal taglio asimmetrico e svolazzante, appartenente alla nuova collezione OVS.

Opta per un look decisamente più uniforme e sobrio Gemma Arteston, che ha imposto la propria attitudine al buongusto e alla raffinatezza sul tappeto rosso con un vestito total black firmato Stella McCartney, a discapito di ospiti e giurate internazionali come Jeremy Irons -che, nonostante il fascino invidiabile e un carisma innato, continua a vestirsi come un damerino dell’800-, e Laurie Anderson, al suo primo red carpet vestita come se stesse andando a fare shopping al centro commerciale. Se il buongiorno si vede dal mattino …

Nonostante le previdenti misure di sicurezza antiterrorismo e l’evidente sfoggio di lustrini giochino di contrasto, la sobrietà, l’eleganza e il buongusto, mescolati a una buona di dose di rispetto e solidarietà, rimangono ancora saldamente ancorati al mood di Venezia 73, percepito sia dentro che fuori dal red capet.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @VerBisconti

 

Crediti immagine di copertina: Cosmopolitan.it

Vuoi commentare l'articolo?

Veronica Bisconti

Nata Roma nel 1987, è da sempre residente nella Capitale. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali, è attratta da quadri e sculture come una mosca dal miele. Solare, sognatrice e perfezionista, è una grande appassionata di serie televisive italiane e americane. Ama il teatro, la moda e i viaggi.