Caterina Balivo presenta “Il Più Grande Pasticcere”

Dopo l’intramontabile Antonella Clerici, le ricette della Parodi, le torte in forno con Renato e le sfide di Bake Off anche Caterina Balivo si da alla cucina con un nuovo format molto “dolce”: Il Più Grande Pasticcere. L’abbiamo vista come inviata ne i Raccomandati di Carlo conti, a Miss Italia, nelle puntate speciali di Linea Verde, in prima serata con il varietà Napoli Prima e Dopo poi alla conquista del primo pomeriggio di Rai 2 con Pomeriggio sul 2 e oggi con Detto Fatto. Caterina Balivo una conduzione tutta sua la voleva e c’è riuscita con un buon successo dati gli ascolti che registra il suo programma sulla Rai. Sarà la sua spontaneità a piacere al pubblico o le gaffes che ogni tanto ci regala – non molto tempo fa per ironizzare sul troppo tempo messo dalla stilista nel programma alle prese con una lunga fila di bottoni ha detto :” Di questo  passo arriviamo all’Eredità di Amadeus!”. Alla Balivo sono sfuggiti un po’ di anni dato che l’Eredità non è  più condotta da Amadeus dal 2006, ma gaffes a parte oggi è pronta a lanciarsi in una nuova sfida tutta culinaria con il suo nuovo programma Il Più Grande Pasticcere che partirà a breve.

Il format è ripreso da quello francese “Qui sera la prochain grand patissier?”, già arrivato alla seconda edizione in Francia dove ha riscosso un successo tale da riconfermare la terza edizione. I concorrenti non saranno cuochi amatoriali alle prime armi con le sfide di cucina, ma pasticceri professionisti con anni d’esperienza quindi tutte le sfide saranno molto tecniche. In ogni puntata i pasticceri saranno sottoposti a tre prove: nella prima dovranno preparare un dessert seguendo un tema scelto appositamente per la sfida nel primo campus italiano della gastronomia (Campus Etoile Accademy), nella seconda si divideranno in squadre per preparare un buffet di dolci o un dessert per un evento particolare prendendo spunto dalla tradizionale pasticceria italiana, questa prova sarà esterna e si terrà nella Val Badia a Palermo con Ignazio Massari come tutor. L’ultima prova sarà quella eliminatoria dove i peggiori pasticceri delle due prove precedenti si sfideranno in Accademia in una prova d’abilità a tempo che decreterà chi dovrà abbandonare il programma. Il premio finale è un giro per i più importanti centri di eccellenza di pasticceria del mondo e la pubblicazione di un libro di ricette.

I concorrenti in tutto saranno dieci – 5 uomini e 5 donne – e a giudicare i loro lavori saranno: Luigi Biasetto, Roberto RinaldiLeonardo Di Carlo. Vediamo i nomi degli sfidanti: Giada Baldari (Napoli), Silvia Federica Boldetti (Torino), Roberto Cantalacqua (Macerata), Antonio D’Aloiso (Barletta), Gianluca Forino e Valentina Urbini di Roma, Emilio Glorioso (Palermo), Anthony Nilantha direttamente dallo Sri Lanka, Martina Presta (Milano) e Naausica Viani ( Reggio Emilia). “La trasmissione coniugherà una competizione tra pasticceri di altissimo livello con una cura estetica nella regia, nel linguaggio e nei dolci che saranno al termine delle cinque puntate solo uno otterrà il titolo de “Il più grande pasticcere” queste le parole della produzione per presentare il format.

Vedremo se la Balivo riuscirà a sbaragliare la concorrenza delle sue colleghe che si cimentano da prima di lei tra ricette e prove culinarie, l’appuntamento con Il Più Grande Pasticcere è per il 25 novembre su Rai2 in prima serata.

Twitter: @amiraabdel13

cat2

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il mondo. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.