Tivoli, lo straordinario invisibile agli occhi