Una Maze da record

MERIBEL– Si, non ci pensa proprio perchè la slovena in questo momento ha (come si suol dire in questi casi) un appuntamento con la storia: ricapitolando, con la vittoria di ieri la Maze non solo chiude certamente la stagione alla testa della classifica generale ma anche in quella di combinata. Per quanto riguarda quella di slalom gigante ne era certa già dal 26 gennaio. E’ in testa a quella di super G con 290 punti, seconda è la Vonn infortunata, terza la Mancuso a quota 225, quindi quando mancano tre prove alla fine della stagione è favorita anche in questa disciplina. In discesa libera le cose non sono tanto differenti, qui in testa c’è la Vonn con 340 punti ma la Maze è seconda con 239 seguita dalla Riesch e dalla Cook staccate di poco più di venti punti. In questa disciplina la slovena ha a disposizione due gare per raccogliere i 102 necessari a scavalcare l’americana, missione non facilissima ma possibile, sempre con un occhio alle inseguitrici che sono pericolose…
Vediamo lo slalom: in testa c’è la fresca campionessa del mondo Mikaela Shiffrin con 528 punti e la Maze insegue con 495 quando mancano due gare alla fine della stagione e tutto può ancora succedere. Al di là della possibilità per la slovena di poter vincere le coppe in tutte le discipline dello sci alpino nello stesso anno (cosa universalmente ritenuta impossibile), rimane il fatto più importante: i 1844 punti con cui guida la classifica generale quando mancano nove gare all’epilogo.
Ricordiamo che il record di punti al femminile è della Vonn che l’anno scorso ne ha totalizzati 1980 mentre al maschile il primato è di Maier con 2000. Insomma Tina Maze può combinare qualcosa di davvero grosso ques’anno e già dal prossimo week end a Garmisch, dove sono in calendario due super G ed una discesa libera, vedremo quali energie fisiche e nervose metterà in campo. Si limiterà a stravincere (come ha già fatto) la Coppa 2013 o ne scriverà duraturamente la storia stabilendone il nuovo record di punti?
Venendo alla cronaca della gara di ieri la Maze ha vinto seguita dalla Hosp che era finita seconda anche a st Moritz, terza la Kirchgasser che da slalomista provetta ha recuperato ventuno posizioni grazie alla prova tra i rapid gates. Bene hanno fatto, come sempre, le nostre giovani combinatiste col sesto tempo della Curtoni, il dodicesimo della Borsotti il quattordicesimo della Marsaglia ed il ventitreesimo della Agerer.

GARMISCH-Lo slalom gigante maschile se lo aggiudica Pinturault che è sempre di più una realtà dello sci alpino. Il talentuosissimo francese classe ’91 vince il suo primo gigante in carriera dopo essere riuscito nell’impresa già in supercombinata, slalom e in parallelo. Il polivalente francese è al suo dodicesimo podio in CDM. Alle sue spalle ci sono i più forti della disciplina: Marcel Hirscher secondo e Ted Ligety terzo. Ai piedi del podio il finlandese Sandell e l’azzurro Moelgg. In classifica di disciplina Ligety conduce con 520 punti seguito da Hirscher con 415 e dal nostro Moelgg con 257, il tutto a due gare dalla fine della stagione. In classifica generale Hirscher conduce con 1215 punti seguito da Svindal con 1006. Il calendario maschile prevede due gare per ogni disciplina e poi la consegna della sfera di cristallo: riuscirà l’austriaco a resistere alla carica del norvegese e a bissare il successo dell’anno scorso?
Il prossimo fine settimana a Garmisch si disputeranno a partire da venerdì due super G ed una discesa, gli uomini andranno in norvegia a Kvitfjell per disputare una discesa il sabato e il super G la domenica.

Vuoi commentare l'articolo?

admin

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->