Serie B: Bologna frena, Carpi respira

In questo ultimo sabato di febbraio va in scena una pazzesca giornata del campionato cadetto. Il favoritissimo Bologna si ferma inspiegabilmente e lascia spazio a tutte le inseguitrici. Anche il Carpi perde colpi, ma continua a guidare questa competizione con la classe di Roberto Inglese e compagni.

Questo torneo sta diventando una corsa ad ostacoli incredibile, ormai non c’è più nulla di certo. Il Carpi non riesce proprio a riprendersi. In questo turno, gli emiliani hanno trovato solo un punto contro il Pro Vercelli, collezionando il quarto pareggio di fila. Una delle migliori qualità del club del falco era la realizzazione di gol, ma ormai è crisi nera e sono ben quattro gare che non riesce più a gonfiare la rete. Una squadra che lotta per il primo posto in classifica non può restare a secco per così tante sfide. In poco più di un mese, i biancorossi si sono fatti recuperare più di sei punti. Ormai sono arrivati al capolinea, e la promozione in massima serie è un sogno tutt’altro che facile.

Nell’anticipo di venerdì sera anche il Bologna cade. Nel big match per le zone alte della classifica i rossoblu vengono demoliti dal Vicenza, che si va a prendere la terza posizione nella competizione. Dopo la crisi del Carpi, gli uomini di Diego Luis Lopez sono gli unici favoriti per vincere il campionato e il ritorno in Serie A. I Felsinei sono staccati solo di sei lunghezze dalla prima posizione. Nonostante questa sconfitta, il team gioca un ottimo calcio ed ha la cosiddetta mentalità vincente, che appartiene solo alle grandi.

Malissimo anche per il Livorno. Il club toscano perde contro il Crotone, e viene sconfitto per la seconda volta consecutiva. Pensare che fino a poche giornate fa, gli amaranto potevano veramente diventare l’outsider di Bologna e Carpi. Adesso all’orizzonte non si vede nulla di buono: le difficoltà sono moltissime e la promozione diretta diventa una missione quasi impossibile.

Nella zona calda le difficoltà si moltiplicano e qualsiasi punto conquistato può decretare la permanenza in Serie B. Il Varese perde contro il Brescia e si inchioda in penultima posizione in classifica. Nonostante le grandi difficoltà, la salvezza è staccata solo di tre punti. Peggiora sempre più la situazione del Catania. Dopo un periodo pieno di soddisfazioni, i siciliani sprofondano in un tunnel senza uscita: ora rischiano veramente di retrocedere il Lega Pro.

In questo campionato cadetto la classifica si accorcia sempre di più. Ormai tutti i team possono sognare di arrivare in fondo e magari realizzare quel sogno lontano che si chiama Serie A. Però il vero duello rimane sempre lo stesso. Da una parte abbiamo la capolista Carpi, che dopo la famosa intercettazione di Claudio Lotito sembra aver perso quello sprint e sopratutto la voglia di trovare la massima serie. Dall’altra il Bologna, che è partito piano in questo torneo, ed ora crede sempre più  di trovare la promozione. Comunque vada, siamo davanti ai due club più forti degli ultimi anni. Anche il Palermo dei record della scorsa stagione, ampiamente elogiato da tutti, non è sicuramente all’altezza di queste due superpotenze.

Risultati 28/a giornata:
Latina – Trapani 1-0
Bologna – Vicenza 0-2
Avellino – Ternana 1-1
Catania – Frosinone 1-2
Crotone – Livorno 1-0
Entella – Pescara 2-5
Lanciano – Cittadella 2-2
Modena – Bari 0-1
Perugia – Spezia 2-1
Pro Vercelli – Carpi 0-0
Varese – Brescia 1-2

Vuoi commentare l'articolo?

Daniele Giacinti