Genoa – Roma: Marassi giallorosso

Continua la favola di Re Francesco. Al Marassi scende in campo un Genoa di qualità; i rossoblu mettono in seria difficoltà la Roma conducendo per 2 a 1 ma poi entra Totti e ogni cosa torna al suo posto.

La partenza è una sorpresa per entrambe le compagini: Gasperini, in vista del derby di domenica, lascia i suoi titolari diffidati fuori dallo schieramento; Mr Spalletti concede il rientro a Strootman, ribadisce la panchina per Dzeko e Totti, dà il via a De Rossi.

Il tridente giallorosso incanta subito: bastano appena 6 minuti di gioco e arriva il goal di Salah, servito di tacco dal faraone, duetta con Perotti e sorprende Lamanna. Potrebbe arrivare l’imminente raddoppio su un passaggio con i fiocchi di Capitan Futuro “Lontano” ma Nainggolan calcia alto. Ci pensa allora il Genoa a far alzare i suoi tifosi dagli spalti. L’ex romanista Tachtsidis corre libero in piena area, nulla può il nostro Richie Cunnigham tra i pali; è l’ottavo goal che la squadra capitolina prende dai suoi ex giocatori in questo campionato. Seguono tante occasioni per quelli di Spalletti ed El Sharaawy non se ne fa scappare una: più volte vicinissimo alla rete non riesce però a concretizzare. Resta comunque una meraviglia il gioco degli egiziani. Arriva il secondo tempo e i romanisti cominciano a singhiozzi. Allora il toscano decide che è giunto il momento di qualche cambio, su un Perotti oggi un po’ in penombra, entra Totti. Che strano, non è l’ottantesimo e davanti ci sono ben tre quarti della ripresa.

Neanche il tempo di realizzare l’anomalia spallettiana che Maicon si perde Rincon, servito Pavoletti e il Genoa va in vantaggio. Arriva il secondo cambio per la panchina giallorossa: fuori Maicon, il colpevole, e dentro il timido Dzeko; Gasperini invece opta per rinforzare la sua difesa passando a un 5-4-1 con l’impiego di Marchese e Capel. Ma il mister rossoblu non fa i conti con l’oste Francesco; è il 32° e Gervasoni fischia una punizione per i giallorossi: Re Mida con il numero 10 è pronto dal limite, parte un siluro che ci mette un istante a gonfiare la rete sul palo lontano. E’ stupefacente, una punizione da brividi, ti dici “non può andare di nuovo così!“. Eppure tra lo stupore, l’invidia e l’ammirazione, va di nuovo esattamente così, Totti entra e capovolge le sorti della gara, che sia una rete, un assist, o la “sola” spinta di squadra. Totti è sempre la desiderata tachicardia di chiunque ami il calcio.

Ci riprova dopo qualche minuto, sempre su punizione: la palla scivola facilmente tra i piedi della barriera però poi trova i guanti di Lamanna.

La Roma è di nuovo carica e arriva il colpaccio. L’inaspettato di Dzeko rimette in area una palla praticamente data fuori, El Sharaawy subentra, raccoglie e con il suo destro sigla la rete della vittoria.

Con il Leicester che vince lo scudetto, per la Roma sarebbe una serata perfetta se il Napoli perdesse contro l’Atalanta ma i giallorossi restano comunque terzi. Ritrovano con estrema gioia il loro Strootman, festeggiano ancora il culto di Capitan Totti e si convincono sempre di più di rivederlo all’Olimpico ben oltre l’8 maggio.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

melania fusco

Classe 1982, romana e romanista doc, "fresco" avvocato con la grande passione per la scrittura e l'animo umano. "La penna è il mio pennello e realizzerò grandi opere di libertà".