Discesa Garmisch: Vonnderwoman is back!

Discesa Garmisch – Solo le campionesse possono fare roba così …Tornare da un infortunio, l’ultimo di una lunga serie, e tornare a vincere come se nulla fosse. A Lindsey Vonn è bastata la discesa libera della settimana scorsa ad Altenmarkt, in cui si è piazzata tredicesima, per riprendere confidenza con le gare. Oggi a Garmisch, su una Kandahar davvero tosta per il gentil sesso, le ha battute tutte e ha vinto la sua 77a gara in Coppa del Mondo. La campionessa statunitense si era infortunata a un ginocchio il febbraio scorso a Soldeu in occasione di un superG e quest’autunno, poco prima della partenza della stagione, ne è arrivato un’altro, stavolta a un braccio, che ne ha compromesso la stagione, ma non il rientro, seppur con qualche acciacco. E in queste condizioni oggi la Vonn, con pochi allenamenti e solo una gara alle spalle, ha messo in chiaro che è ancora lei la più forte.

Discesa Garmisch – La Gut e la Rebensburg salgono sul podio rispettivamente come seconda e terza e a entrambe va davvero bene così. Soprattutto per la Gut che dal canto suo continua a macinare punti e si avvicina alla Shiffrin in classifica generale. Ai piedi del podio le austriache Siebenhofer e Schmidhofer rispettivamente quarta e sesta, in quinta posizione ci si mette la Goggia che dà continuità alle sue prove e rimane in corsa per il podio finale di CDM. Ilka Stuhec e Tina Weirather si piazzano ottava e nona. Tra le azzurre, oltre alla Goggia, c’è un ottimo quattordicesimo tempo della Brignone. Vanno a punti anche Curtoni, Fanchini Elena e la Stuffer.

Discesa Garmisch – In classifica di discesa libera è la slovena Stuhec (377 punti) in gran vantaggio sulla Gut che oggi è salita a 260 punti, Sofia Goggia è terza con 220 punti , quarta la Weirather a 188. La Stuhec ha un gran vantaggio ma si deve guardare le spalle dato che la Gut non molla proprio. Per la nostra Sofia tornare sul podio inizia a diventare indispensabile se vuole rimanere sul podio finale. In classifica generale la Shiffrin è prima a quota 1008 punti con una Gut arrembante che oggi è salita a 773 seguita dalla Stuhec a 616, quarta la Goggia con 605. La statunitense è irraggiungibile, ma domani col superG le velociste appena menzionate hanno possibilità di recuperare una parte dello svantaggio.

Vai alla home page di LineaDiretta24

 

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado