Bayern a punteggio pieno; la Roma c’è

Questa è la migliore fotografia della situazione del girone E. I bavaresi mantengono la fama di corazzata riuscendo a vincere anche a Mosca e rimanendo a punteggio pieno. Per lignaggio e gioco sviluppato quelli del Bayern vanno obbligatoriamente considerati come i favoriti del girone ma bisogna stare attenti alle avversarie che di certo non stanno lì per prenderle senza fiatare. Già quelli del CSKA ieri hanno lottato fieramente e pur messi in campo con un bel 5-4-1 che comprendeva entrambi i fratelli Berezutski (per fortuna non è stato convocato anche il padre) hanno dimostrato di poter quanto meno impensierire il portierone dei tedeschi. Il Bayern dal canto suo ci mette pochissimo a chiudere un match con tutte le variabili offensive a disposizione e grazie ad un possesso palla sontuoso come quello del miglior Barcellona, ma ieri è riuscita a passare solo su rigore e questo pure significa qualcosa.
La partita di cartello era di certo quella di Manchester, sponda Citizen, che ospitavano una Roma molto attesa visto il suo gioco, capitanata da un Totti a sua volta atteso dalla stampa inglese per i motivi che tutti sanno e seguita dal pubblico in festa dei romanisti anche loro evidentemente attesi vista la loro fama di tifoseria calda. Nessuno ha deluso le aspettative: all’Etihad si sentivano solo i romanisti, e un po’ ce l’aspettavamo, ci aspettavamo di meno la Roma vista in campo dal primo minuto. Infatti è stata proprio la squadra capitolina a prendere in mano le redini del match anche a causa dello svantaggio maturato dopo pochi minuti di gioco grazie ad un calcio di rigore concesso per un falletto di Maicon su Aguero. Una cosa è certa: anche se Aguero si fosse lasciato andare il rigore deve essere in questi casi concesso visto che abbracciare un avversario in area non è un’abitudine accettabile. La squadra capitolina non si è persa d’animo ed ha iniziato a macinare gioco riuscendo in tutto il primo tempo a fare meglio dei padroni di casa pareggiando con l’eterno Totti che si è tolto la soddisfazione di segnare un gol ad oltre 38 anni. Ma non finisce qui visto che i giallorossi si sono confermati anche nel secondo tempo quando hanno rischiato di segnare più volte nei primi minuti di gioco. Poi alla lunga è venuto fuori il City: qualche ritocco tattico, l’ingresso di Milner e di Lampard e la Roma si è ritrovata a doversi difendere dagli assalti finali dei britannici. Ci è sembrata netta la difficoltà fisica della Roma, che in ritardo di preparazione rispetto agli inglesi e piena di ultratrentenni ha iniziato a soffrire il possesso palla tenuto con Silva e Yaya Tourè un centrocampista fenomenale che ad avviso di chi scrive è stato il migliore in campo. Alla fine un pareggio tutto sommato giusto che da la possibilità ad entrambi i club di sperare in un passaggio del turno.
Nei gironi F, G ed H sono i pareggi l’elemento dominante delle classifiche con una situazione di incertezza che rende impossibile fare analisi almeno fino all’ultima giornata del girone di andata. se ne parla tra due settimane.

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->