Olimpiadi Rio 2016, nel giorno della cerimonia inaugurale, quanti problemi ancora irrisolti

OLIMPIADI RIO, SI PARTE – Ormai ci siamo, mancano solo poche ore alla cerimoniaOlimpiadi Rio 2016 Cerimonia di apertura della XXXI Olimpiade, quella che prenderà il via stasera a Rio De Janeiro in Brasile. Sono già arrivate quasi 18000 persone, tra atleti e giudici delle varie discipline, in rappresentanza di ben 206 Nazioni. Sono state preparate ben 306 medaglie d’Oro e altrettante d’Argento. Sono state costruite 31 palazzine per ospitare atleti e delegazioni. Ma è davvero tutto oro quello che luccica? Quali difficoltà si sono registrate alla vigilia di questi giochi dopo lo scandalo doping che ha portato all’esclusione di tutta l’atletica Russa?

I PROBLEMI DEL BRASILE – Il Brasile si è trovato a dover organizzare nell’arco di due anni quelle che probabilmente sono considerate le due manifestazioni internazionali più importanti e popolari al mondo: Mondiali di calcio e Olimpiadi. Queste ultime saranno le prime Olimpiadi della storia a svolgersi in un paese sudamericano. Ma, nel giorno della cerimonia inaugurale, molti problemi non sembrano essere stati ancora risolti.

Il Brasile sta vivendo negli ultimi anni una fortissima recessione economica a causa della crisi globale e gli scandali politici ed economici, che hanno travolto il paese, hanno rischiato di compromettere la reale fattibilità di questa manifestazione.

A oggi ha un debito pubblico che è quasi il doppio di quello della GreciaOlimpiadi Rio 2016 Panorama e per il 2019 è previsto che arrivi quasi al 93% del PIL. L’inflazione viaggia stabilmente sul 10% annuo e a Marzo 2016 ci sono stati quasi 10 milioni di lavoratori disoccupati in tutto il paese. Lo stato federale di Rio ha dichiarato default a 50 giorni dai giochi e lo stato centrale si è mosso solamente per stanziare i fondi necessari a garantire la realizzazione dei giochi, provocando le proteste dei lavoratori pubblici che in molti casi vedono gli stipendi pagati con notevoli ritardi. Questa situazione mette a serio rischio anche la questione sicurezza, visto che i poliziotti sono pagati con i soldi pubblici, sopratutto in un momento storico cosi preoccupante dal punto di vista del terrorismo.

IL VIRUS ZIKA E L’INQUINAMENTO – Come se non bastasse tutto questo, a preoccupare ancor di più Olimpiadi Rio 2016 Inquinamento lago la comunità internazionale è l’epidemia attualmente in corso in Brasile del temibile virus Zika e di altre malattie trasmesse dalle zanzare.

Il Virus Zika, di cui abbiamo già parlato in questo articolo, è sospettato di essere tra le cause di Microcefalia infantile e la paura è che possa essere trasportato in tutto il resto del globo da persone che potrebbero contrarre il Virus durante i giochi. La famiglia reale inglese sembra che non si recherà in Brasile per seguire le Olimpiadi e anche numerosi atleti avrebbero rinunciato per paura dell’infezione. Se la situazione Zika preoccupa, non è da meno quella relativa alla qualità delle acque nei pressi di Rio. Il lago che ospiterà le gare di canottaggio è da tempo sede di scarico di rifiuti abusivi e i pesci morti che galleggiano non sono certo il miglior biglietto da visita per la federazione brasiliana. Anche la baia di Guadabara, che doveva essere bonificata, è stata invece lasciata praticamente com’era.

IL VILLAGGIO OLIMPICO INCOMPLETO – Fino a pochi giorni fa, 19 delle 31 palazzine previste per ospitareOlimpiadi Rio 2016 Villaggio le delegazioni internazionali non erano state completate o presentano gravi problemi. Intonaco che si stacca dai muri, bagni otturati o allagati, cavi elettrici scoperti. Situazioni che hanno spinto numerose delegazioni, compresa quella Italiana, a inviare squadre di muratori, idraulici ed elettricisti per finire in autonomia i lavori e sistemare tutti i problemi prima dell’inizio dei giochi. Il prolungamento della metropolitana, che doveva collegare il villaggio olimpico, non è stato completato e il tragitto dovrà essere coperto da staffette di pullman. Insomma, non proprio un gran biglietto da visita per un paese che puntava molto a questa manifestazione in termini di immagine e rilancio del turismo.

UN CAUTO OTTIMISMO – Nonostante tutti questi problemi, che rischiano di rendere le Olimpiadi di Rio 2016Olimpiadi Rio 2016 Bach come una delle peggiori edizioni della storia, il presidente del CIO, Thomas Bach, si è lasciato andare a dichiarazioni ottimistiche: «Nei giorni che precedono un’Olimpiade ci sono sempre dei problemi da risolvere, ma i brasiliani troveranno una soluzione per tutto e io qui già sento l’energia olimpica, in aeroporto e in città. Io vedo un sacco di gente, a cominciare dai volontari, sorridente e piena di energia e di voglia di fare. Ci aspettiamo una grande edizione dei Giochi e abbiamo piena fiducia nei brasiliani, vista la loro passione per lo sport, la loro gioia di vivere e gli impianti che stanno preparando. L’atmosfera è ottima». Speriamo davvero che il presidente del CIO abbia ragione e che da stasera si possano lasciare da parte numeri e problemi per potersi concentrare solamente sullo sport.

Vai alla homepage di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.