Virginia Raggi non paga il conto? Le due versioni

Virginia Raggi non avrebbe pagato il conto del Ristorante “Benito al ghetto” dove era stata a cena con un suo amico. Questa la notizia riportata dal settimanale Oggi e poi ripresa da vari quotidiani che, c’è da dire, quando si tratta di Virginia Raggi, sono ben felici di riportare notizie che la mettano in cattiva luce. Ma del resto a Roma si è discusso per mesi della Panda rossa dell’ex Sindaco Marino ed è più che naturale che in quel ruolo si è costantemente sotto i riflettori ed anche sotto attacco. Virginia Raggi è stata costretta poi ad un post di precisazione su Facebook nel quale spiega che si era recata in quel ristorante solamente per incontrare degli amici, che aveva già cenato, e che quindi non aveva proprio nulla da pagare. Secondo i presenti è stata molto gentile ed ha salutato ad uno ad uno tutto il personale del ristorante.

 

virginia raggiC’è però la versione dello chef  che è ben diversa. «Mi è arrivata la comanda giù in cucina con su scritto: “per il sindaco”. Pensavo fosse uno scherzo del maitre e perciò sono salito. C’era la Raggi seduta con un uomo. Ho aspettato che finissero di mangiare e mi sono avvicinato. “Che piacere avervi ospiti da noi”, ho detto». Un gesto di cortesia, interpretato però come un’offerta a non saldare il conto. E infatti, a fine pasto, i due commensali si alzano, salutano («Grazie, tornerò a trovarvi») e vanno via. Senza neppure lasciare la mancia per i camerieri, che pure li avevano serviti.». Quindi il nodo della questione è: Ma Virginia Raggi ha mangiato o no? C’era veramente un conto da pagare per lei? I camerieri le avevano servito la cena o solo un bicchiere d’acqua come invece afferma lei? Quando la politica si sposa con la tradizione della commedia all’italiana, dal “rigatino” in Amici miei, alla fuga di Pieraccioni ed i suoi amici ne “I laureati“. Certo se il Sindaco di Roma lo avesse fatto sul serio sarebbe grave, ma propendiamo a credere si sia trattato di un equivoco.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@MassimoSilla_

Vuoi commentare l'articolo?

Massimo Silla

Appassionato di lettura, scrittura, pittura, insomma di qualunque cosa non richieda uno sforzo fisico. Nostalgico e cialtrone ha intrapreso innumerevoli carriere,tra le quali il Babbo Natale, senza mai eccellere in nessuna