Studiare prima di giocare: per vincere ai videogames serve l’informazione online

Studiare prima di giocare: per vincere ai videogames serve l’informazione online

 

In Italia si trova un numero molto elevato di videogiocatori. Molti usano i videogames principalmente nel tempo libero, per svagarsi durante le pause e recuperare le energie. Parlare di studio in questo caso potrebbe quindi sembrare fuori luogo, eppure questo è uno step indispensabile per padroneggiare al meglio le tecniche utili per i videogiochi. Sebbene questi ultimi siano soprattutto una forma di svago, alcune nicchie del gaming possono spingere verso degli obiettivi competitivi o addirittura professionali. Un esempio di ciò sono i giochi d’azzardo che riguardano le carte, ma non solo: anche gli FPS, i giochi strategici e i videogiochi di calcio richiedono formazione e informazione, specialmente quando si parla di eSports. Per i videogiocatori che desiderano raggiungere un livello elevato di bravura, si rende quindi necessaria una prima fase di informazione e naturalmente è il web la prima fonte utile in questo senso.

 

Giocare a livelli competitivi: perché proprio Internet?

 

Oggi le informazioni più importanti passano proprio da Internet: un contenitore illimitato di news che riesce a ospitare davvero qualsiasi tipo di approfondimento. Questo è il principale vantaggio del web applicato alla formazione da gaming: è possibile reperire fonti molto professionali e particolarmente di nicchia. Una missione purtroppo impossibile usando altri canali classici di informazione: è raro che testate e riviste cartacee trattino argomenti simili in maniera approfondita. Anche il mondo della tv non sembra essere particolarmente dedito al gaming: un tempo esistevano alcuni canali satellitari dedicati esclusivamente a questo, ma si sono estinti in fretta. La rete diventa quindi l’unica risorsa autentica per poter cercare ogni tipo di informazione sui videogiochi, di qualsiasi settore essi siano.

 

Studiare sul web per vincere ai tavoli verdi

 

È bene sapere che esistono dei giochi che offrono la possibilità di trasformare il gaming in un vero e proprio lavoro. Una professione a dir poco entusiasmante, che richiede però degli approfondimenti mirati; per questo motivo conviene sempre rivolgersi ai blog di settore più autorevoli. L’esempio dei giochi d’azzardo calza alla perfezione: oggi su Internet è possibile giocare sui casinò online per fare pratica e affinare le proprie conoscenze del settore. Sul web ci sono infatti anche dei blog ricchi di consigli e guide informative: alcuni portali ad esempio offrono consigli di strategia per il blackjack e altre risorse grazie alle quali anche i principianti possono entrare in una dinamica di gioco stimolante e competitiva.

 

Non solo casinò: i blog di settore per tutte le nicchie

 

Al contrario degli strumenti cartacei, Internet si dimostra particolarmente utile per l’informazione sul gaming. Basta infatti fare qualche ricerca su Google per trovare centinaia di fonti e guide specifiche. Questo è un discorso che non riguarda solo il settore dei casinò online: dagli FPS ai giochi di strategia, passando per i giochi di ruolo, in rete si trovano blog specializzati in qualsiasi nicchia. In pratica, si tratta di una preziosa occasione per approfondire il mondo dei videogame, e magari per riuscire a far parte di un team professionale; gli eSports sono l’esempio più concreto in questo senso, ma non l’unico.

 

Dalle guide testuali ai video: YouTube e Facebook

 

Se si parla di informazione, allora gli articoli testuali sono in ottima compagnia. Internet è infatti una fonte ricchissima di video tutorial su migliaia di giochi diversi. Il potenziale del video, a livello informativo, è enorme: questa modalità comunicativa consente infatti al cervello di analizzare meglio le nozioni e di apprenderle più velocemente. In un video di 5 minuti, ad esempio, è possibile condensare una guida testuale che potrebbe scoraggiare anche i più determinati. Trattandosi di gaming, poi, le immagini aiutano sicuramente ad avere una percezione migliore delle mosse da compiere. Dove trovare le risorse video per imparare a giocare ai videogiochi? In primo luogo su YouTube, di sicuro il re delle piattaforme di video tutorial: qui si trovano infatti migliaia di canali gestiti da youtuber esperti di gaming. Anche Facebook può rappresentare una preziosa risorsa, ospitando diversi gruppi generici o dedicati a videogiochi specifici, dove gli utenti spesso condividono dei video esplicativi.

 

Twitch, la TV dei videogiocatori

 

Il mondo della televisione risulta essere davvero poco interessato alla nicchia del gaming: nonostante i tentativi, i canali dedicati ai videogiochi sul digitale hanno infatti fallito miseramente. Oggi però Internet permette alla televisione di prendersi una rivincita, deviando però sullo streaming. Twitch ad esempio è una piattaforma web che consente a chiunque di collegarsi e di inviare il live della propria sessione di gioco; in contemporanea, altri utenti possono collegarsi e guardarla in tempo reale, proprio come avverrebbe in televisione. Si tratta una preziosa occasione per studiare dal vivo i trucchi e le tecniche dei player più bravi e più esperti. Inoltre, inviando i propri live in streaming, è anche possibile ottenere dei feedback dagli utenti e dunque migliorarsi volta per volta.

 

Internet risulta essere determinante per molti aspetti della nostra vita: lo è anche per i videogiocatori, perché permette di informarsi e di avanzare continuamente di livello.

Vuoi commentare l'articolo?

Gianluca Gaeta

Il Direttore - Nasce come giornalista d'inchiesta, spaziando tra politica e cronaca. Dirige negli anni le testate giornalistiche ccsnews e parolibero infine approda a LineaDiretta24. Tra le sue attività, c'è quella di sindacalista. Viene eletto all'unanimità Segretario Nazionale dell' Associazione sindacale autonoma Giornalisti Italiani "Asagi". Esperto di sicurezza sul lavoro e di contrattazione sindacale. Si batte per la tutela dei lavoratori non solo in ambito giornalistico. L'inchiesta, il suo primo amore, non lo molla e non la molla mai.