Vince il No, manifestazioni a Roma durante la notte

Domenica 4 dicembre i cittadini italiani sono stati chiamati alle urne a scegliere se apportare o meno le modifiche alla Costituzione volute dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi. L’affluenza è stata quasi del 70%, smentendo coloro che credevano che gli italiani si fossero “disamorati” della politica.   La scelta tuttavia è stata chiara: sul fronte del No si è schierato più del 59 % degli aventi diritto, mentre il SI si è fermato al 40,5 %. I favorevoli sono stati in maggioranza solo in Toscana, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige.

Un’ampia maggioranza ha quindi bocciato la riforma proposta dal Premier mandando un messaggio inequivocabile. Dopo la diffusioni dei primi risultati degli Exit polls , molte persone schierate sul fronte del No alla riforma sono scese in piazza a Roma a manifestare contro il governo Renzi e a chiedere le sue dimissioni. Tra i manifestanti comparivano alcune bandiere dei sindacati di base.

Il Premier li ha accontentati. Nel discorso tenuto dopo i primi risultati ha affermato “ Il mio governo finisce qui. Domani mattina riunirò il consiglio dei ministri e poi salirò al Quirinale per consegnare le dimissioni al Presidente della Repubblica” e poi afferma “Volevo cancellare le troppe poltrone, non ce l’ho fatta .E allora salta la mia. ” Adesso resta da capire quali saranno i risvolti reali di questo post referendum ma il Premier uscente afferma che  c’è massima fiducia nel lavoro di Mattarella.

 

Vai alla home page

Leggi altri articoli dello stesso autore

 

Vuoi commentare l'articolo?

Anita Lazzari