Tour de France: Sagan vince in volata l’11ª tappa, Froome consolida la maglia gialla

Doveva essere una tappa semplice, quasi di transizione, l’undicesima di questo Tour de France, con i suoi suoi 163 km tra Carcassone e Montpellier, invece semplice non lo è stata affatto, sopratutto a causa del vento, tanto forte da far cadere tra gli altri campioni come Thibaut Pinot, Luis Leon Sanchez, Edward Theuns, Rafal Majka e Damiano Caruso.

LA TAPPA – Dopo un primo tentativo di fuga del francese Arthur Vichot e dell’australiano Leigh Howard, recuperati dal gruppo a 61 km dall’arrivo, è ai -12 km che la corsa si decide. Peter Sagan e Bodnar, compagni di squadra della Tinkoff, attaccano cogliendo di sorpresa gli squadroni dei velocisti, il più lesto ad accodarsi ai due è proprio la maglia gialla, leader di questo Tour de France, Chris Froome, inseguito a sua volta da Geraint Thomas. Il quartetto arriva ad avere 24” di vantaggio sul gruppo degli inseguitori che solo a quel punto decide di reagire aumentando il ritmo.

L’ARRIVO – Il finale è una volata a due appena accennata tra Froome e Sagan, con il primo, già maglia gialla, che lascia la vittoria di tappa alla maglia verde, andando a guadagnare 6” sugli inseguitori, raddoppiati per via dell’abbuono. Negli inseguitori arrivati a 6” secondi rientrano tutti i big, da Quintana ad Aru, Bardet e Van Garderen. Con questa tappa Froome consolida il suo primo posto in questo Tour de France e in classifica generale precede Adam Yates a 28” e Daniel Martin a 31”.

ARRIVO CANCELLATO – Oggi la 12ª tappa con partenza da Montpellier e arrivo sul Mont Ventoux, verrà accorciata di ben sei chilometri a causa delle fortissime raffiche di vento registrate sull’ascesa finale, con picchi di oltre 100 km/h e una temperatura attorno ai sei gradi, condizioni che hanno convinto gli organizzatori di questo Tour de France a rivedere l’arrivo per garantire la salute dei corridori.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.