Silvano Grisenti: corruzione e truffa ma il Tribunale annulla il licenziamento

Condannato per corruzione, tentata violenza privata e truffa aggravata, Silvano Grisenti ex deputato della Civita Margherita e dell’ Unione per il Trentino, si tiene il posto pubblico bello stretto. Siamo davanti all’ennesima faccenda giudiziaria a destare scalpore tra i militi politici, il Tribunale del lavoro di Trento ha accolto il ricorso del politico italiano, annullando il licenziamento e ordinando l’immediato reintegro e disponendo a favore del condannato, l’ulteriore risarcimento di 25 mila euro. Il Consigliere, nel 2007 viene nominato presidente dell’ Autobrennero, l’azienda italiana attiva nella gestione in concessione di tratti autostradali e ne resta a capo fino al 2008, anno nel quale è costretto a dimettersi a seguito dell’inchiesta che lo coinvolge, decide dunque di tornare a lavoro nel suo posto alla Regione. A marzo del 2015, arriva la sentenza definitiva della Cassazione, confermati ben tre capi di imputazione: corruzione nei confronti di un imprenditore per assicurare un posto di lavoro al fratello; tentata violenza privata per aver cercato di “distogliere” una cooperativa dal ricorrere al Tar contro l’Autobrennero; truffa per aver utilizzato la carta di credito aziendale per pranzi e pranzetti personali, millantando eventi di rappresentanza. La Regione, pertanto decide di concludere il rapporto lavorativo con Grisenti, che proprio non ci sta e mediante il ricorso del suo patrocinatore Vanni Coela, si rivolge al giudice del lavoro.
Il Tribunale, in effetti, stabilisce che non sussiste attinenza tra la condanna come ex presidente e l’attività svolta da Grisenti per la Regione, e ne dispone il reintegro più la corresponsione dei contributi e delle mensilità dovute. E pensare che, proprio in questi giorni a Bergamo, Stefano Rho, un professore di filosofia, è stato licenziato per atti contrari alla pubblica decenza, per un episodio risalente a undici fa, quando era stato colto in ” flagranza di reato” a fare pipì in un cespuglio,
Povera Italia, biasimata dal costante paradosso.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

melania fusco

Classe 1982, romana e romanista doc, "fresco" avvocato con la grande passione per la scrittura e l'animo umano. "La penna è il mio pennello e realizzerò grandi opere di libertà".