Scandalo Eliseo: Teatri e Associazioni denunciano

Scoppia lo ‘scandalo Eliseo’: era il 15 marzo 2017 quando il direttore artistico del Teatro Eliseo, Luca Barbareschi, convocava una conferenza stampa per annunciare l’imminente chiusura del Teatro a causa del disinteresse istituzionale, sottolineando più volte la mancata promessa del Ministero relativa l’elargizione di 4 milioni di euro. Il Mibact risponde, giustamente, che occorre dapprima un’analisi dei diversi progetti e relativa comparazione con quelli di altri teatri.

scandalo eliseoMa in aprile le cose cambiano e così, nella manovra correttiva di bilancio, sulla Gazzetta ufficiale all’art. 22 comma 8 si legge: “in favore del Teatro Eliseo, per spese ordinarie e straordinarie, al fine di garantire la continuità delle sue attività in occasione del centenario della sua fondazione è autorizzata la spesa di 2 milioni di euro per l’anno 2017“. Così il 30 maggio circa 40 Teatri e Associazioni di categoria hanno scritto una lettera aperta al ministro Padoan chiedendo perchè alcuni fondi siano stati elargiti ad un singolo teatro privato, senza evidenti motivazioni e verifiche, senza richiedere il parere dell’Antitrust. Precisiamo che si parla di “privato” perchè l’Eliseo è gestito dalla Casanova Teatro srl di Barbareschi. E ancora ci si chiede come mai il Teatro Eliseo abbia beneficiato di ulteriori elargizioni da parte del Ministero dei Beni culturali: nella lettera si parla di circa 514.813 euro dal FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo) e di 250.000 euro dal fondo integrativo per i progetti speciali gestito dal ministro Franceschini. A questi si aggiungerebbero 300.000 euro dalla Regione Lazio e 100.000 dal Comune di Roma. Ma lo scandalo Eliseo è legato soprattutto ad una questione: “perchè Parlamento e Governo dedicano tanta attenzione ad un unico soggetto privato davanti ad un mercato teatrale che, nella sua interezza, presenta una serie di criticità economiche note a tutti e da tempo?”. La lettera, firmata da diversi Teatri, tra cui il Brancaccio, l’Ambra Jovinelli, il Parioli, il Vittoria, il Vascello, Sala Umberto e altri teatri italiani, si conclude con un’ulteriore precisazione: “all’art. 22 comma 8 le risorse destinate al teatro Eliseo in base agli emendamenti bipartisan, sostenuti da Pd e Forza Italia, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera passano da 2 a 4 milioni per ciascuno degli anni 2017 e 2018“.

Grida allo ‘scandalo Eliseo’ anche l’AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo), che in una lettera indirizzata al Parlamento precisa: “per centinaia di imprese che nel corso degli anni hanno visto diminuire il Fus dallo 0.083% allo 0.026 del Pil e che hanno subito dagli Enti locali tagli anche del 50% è frustrante assistere ad atti arbitrari e opachi che hanno come unico obiettivo quello di ripianare debiti e deficit gestionali“. Annunciando così le dimissioni dei propri rappresentanti dalla Consulta per lo Spettacolo del Mibact, viene fatto un ultimo appunto: “saremmo tutti lieti se Barbareschi riuscisse a guadagnarsi sul campo, giocandosi la partita ad armi pari con gli altri concorrenti, una congrua integrazione dei contributi che pure il Teatro Eliseo potrebbe meritare”.

Vai alla homepage di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @ludovicapal

 

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta