News – Terremoto in Campania e Irpinia

I vigili del fuoco, presi d’assalto dalle chiamate, sono stati sollecitati all’intervento dal notevole spavento, dovuto alle forti scosse che hanno fatto ballare muri e lampadari, riportando alla memoria quel terribile 23 novembre del 1980, quando ebbe inizio la tragedia in Irpinia. Sentito in maniera netta dagli abitanti, già la notte precedente, l’Istituto di geofisica e Vulcanologia, intorno alle h2.00, aveva registrato un movimento tellurico di magnitudo 2.4 e 2.6, la faglia pare sia stata localizzata nelle zone di confine tra Irpinia e Sannio. Individuato l’epicentro tra Benevento e Caserta a circa 10,5 chilometri di profondità, ad annunciare il clou, pochi minuti prima, una scossa di intensità 2.7 e un boato fragoroso, la durata è stata di circa 15 secondi. Non sembra siano stati rilevati danni ad Isernia, i vigili sono stati allarmati per il panico ma non ci sono stati danni alle abitazioni o guasti e pericoli alle case.

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Del Bufalo

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->