Missile Nord Corea, in Giappone suonano le sirene VIDEO

MISSILE NORD COREA – Il razzo dalle potenzialità belliche elevate ha fatto scattare i sistemi di allerta in Giappone, dove i cittadini sono stati svegliati dalle sirene di allarme che hanno fatto subito scattare la paura. Il missile è passato oltre i confini settentrionali nipponici intorno alle 5,57 locali, si è rotto in tre parti concludendo la sua corsa al largo dell’isola di Hokkaido, nelle acque territoriali di Tokyo. Secondo la Corea del Sud il vettore ha percorso 2700 Km ad un’altezza di 550 chilometri, caratteristiche che fanno pensare a un missile a lunga gittata.

LA MINACCIA AGLI USA – L’obiettivo più vicino per la Corea del Nord è l’isola americana di Guam, nel Pacifico, anche se questa volta a essere in allerta sono il Giappone e la Corea del Sud. È il diciottesimo missile lanciato da Pyongyang nel 2017 e la Corea del Nord è diventata un pericolo concreto per la pace mondiale. I servizi coreani sono convinti che sarebbe già pronta a montare un’atomica su un missile intercontinentale: capace dunque di raggiungere gli Usa. In ogni caso questo missile balistico sarebbe il primo disegnato per trasportare una testata nucleare.

LA REAZIONE DI TRUMP – Non si è fatta attendere la reazione del presidente americano Donald Trump, che ha dichiarato che ormai contro la Corea del Nord: “Tutte le opzioni sono sul tavolo. Azioni di minaccia e destabilizzanti aumentano solo l’isolamento del regime nordcoreano. Il mondo ha ricevuto l’ennesimo messaggio forte e chiaro: questo regime ha segnalato il suo disprezzo per i Paesi vicini, per tutti i membri delle Nazioni Unite e per gli standard minimi di comportamento accettabile a livello internazionale”. Giappone e Corea del Sud sembrano essere sulla stessa linea d’onda degli USA, mentre la Corea del Nord prepara un nuovo test nucleare che potrebbe mettere ancora più in difficoltà il sottile equilibrio che regge al momento.

Vai alla home page di LineaDiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

@maurizio_gaddi

Vuoi commentare l'articolo?

maurizio Gaddi