Femminicidio muoiono altre due donne

Le isole piangono Licia e Federica, nelle ultime 48 ore ancora femminicidio muoiono altre due donne.

Licia Gioia, 32 anni, maresciallo dei carabinieri è morta lunedì notte nella sua abitazione alle porte di Siracusa, si è suicidata sparandosi alla testa. Secondo la ricostruzione del marito, la moglie al culmine di una lite, nata probabilmente per motivi di gelosia, avrebbe impugnato l’arma di ordinanza esplodendo un colpo alla testa, poi nel tentativo di strapparle l’arma, sarebbe partito un secondo colpo che avrebbe colpito la gamba della donna e di striscio anche quella dell’uomo.

Licia, originaria di Latina aveva sposato nel maggio del 2016 il 45enne pugliese poliziotto nella divisione amministrativa della questura. L’uomo era al suo secondo matrimonio, dalla prima moglie aveva avuto un figlio, ora quattordicenne, che vive a Siracusa insieme al padre. Il ragazzo si trovava in casa al momento della tragedia, dormiva al piano superiore nella sua camera da letto quando è stato svegliato dalle urla del padre e della donna, seguite dai due spari. Ora la procura ha iscritto il marito nel registro degli indagati, l’accusa è di istigazione al suicidio.

Poi c’è la storia di Federica Madau, anche lei 32 anni, ha perso la vita ieri sera dopo essere stata ripetutamente accoltellata dal marito il 46enne Gianni Murro, a seguito dell’ennesima lite domestica. Il delitto è avvenuto in un appartamento in via San Salvatore a Iglesias, nel sud della Sardegna, l’uomo dopo aver impugnato un coltello, ha colpito reiteratamente la moglie restando poi in casa fino all’arrivo della polizia allertata dai vicini per le urla furibonde. “L’accusava di prendersi poca cura dei figli e di non essergli fedele”, lui sempre più violento, lei allora aveva deciso di interrompere la relazione ma il marito non riusciva ad accettare la fine della storia.

Vai alla homepage di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @_MelaniaFusco_

 

Vuoi commentare l'articolo?

melania fusco

Classe 1982, romana e romanista doc, "fresco" avvocato con la grande passione per la scrittura e l'animo umano. "La penna è il mio pennello e realizzerò grandi opere di libertà".