Emergenza roghi, un arresto per l’incendio a Castel Fusano

A poche ore dall’ incendio a Castel Fusano è scattato l’arresto per il presunto piromane: si tratta di un idraulico di 22 anni originario di Busto Arsizio. Arrestato e portato nel carcere di Regina Coeli, il giovane è accusato di tentato incendio boschivo. Il 22enne è stato sorpreso dai carabinieri mentre dava fuoco ad alcuni fazzoletti di carta; alla vista delle forze dell’ordine avrebbe cercato di nascondersi tra la vegetazione della pineta. Il rogo si è sviluppato nei pressi di Infernetto, mentre altri tre focolai colpivano via Cristoforo Colombo, rimasta chiusa per un tratto con gravi disagi sulla circolazione.

Alcune case sono state evacuate e molti bagnanti hanno abbandonato le spiagge allarmati dalle alte nubi di fumo. “E’ una situazione gravissima, buona parte della pineta è andata in fumo – ha commentato la sindaca M5S Virginia Raggi, accorsa sul posto – Serve l’aiuto della Regione e del Governo. Roma non può essere lasciata sola di fronte a questo disastro ambientale. Dobbiamo collaborare tutti”. Secondo la Raggi, l’intervento dei soccorsi è stato tardivo, con “il primo Canadair è arrivato dopo un’ora”. Marco Miccoli, deputato PD, punta il dito contro la Raggi stessa: “Roma brucia ma non ha un piano emergenza e non ha un capo della Protezione civile. Raggi a casa”, mentre per i Verdi la responsabilità è del Campidoglio, che ha sottovalutato l’incendio di 10 giorni fa.

L’emergenza incendi non si arresta e interessa tutta l’Italia, ieri, 17 luglio, un pompiere ha accusato un malore mentre spegneva un incendio a Mondale. L’uomo era in servizio da 20 ore. L’incendio a Castel Fusano ha dei precedenti: già lo scorso 7 luglio la pineta era andata a fuoco con danni consistenti, mentre il 4 luglio 2000 un vasto rogo distrusse buona parte della vegetazione dell’area, circa 300-350 ettari di macchia mediterranea. Anche in questi casi, i roghi furono appiccati da piromani.

 

Vai alla home page di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter autore: @JoelleVanDyne_

Vuoi commentare l'articolo?

Viola D'Elia

Nata 27 anni fa, ha vissuto a Roma, Istanbul e in India. Sempre pronta a fare le valigie, sogna di vedere ogni angolo di mondo. Oltre a coltivare ambizioni alla Jules Verne, i suoi interessi includono accumulare libri, la musica e il cinema. E’ capace di commuoversi ogni volta che rivede Hugo Cabret; ama scrivere e fare domande, ma non riceverne. Specialmente di lunedì mattina. Crede fermamente nella filosofia di Big Fish: «Tenuto in un piccolo vaso il pesce rosso rimarrà piccolo, in uno spazio maggiore esso raddoppia, triplica o quadruplica la sua grandezza».