Donald Trump in Italy Trump-olino per Melania

Donald Trump – Roma. Dopo le tappe in Arabia Saudita ed Israele, L’Air Force One fa approdare il ciclone forza uno, alias Donald Trump e consorte, a Fiumicino. A rovinare il romantico tour da  business honeymoon  Ivanka Trump, figlia di Donald, avvezza, ormai,  a rubare la scena alla “matrigna”rivale. Sarà proprio lei, Ivanka, l’ambasciatrice ufficiale, in coppia con papà Donald, di un tour romano che si insinuerà, nella mattinata di domani, mercoledì 24 maggio, nel blindatissimo limbo del Vaticano (ma a quanto pare Papa Francesco sta già facendo i capricci; pare, infatti che abbia chiesto al presidente americano di non atterrare in elicottero perché, a suo dire, il rumore assordante del velivolo potrebbe drasticamente interrompere e disturbare l’intima e raccolta moltitudine di fedeli in meditazione); proseguirà in quirinale dove Trump incontrerà il presidente della repubblica Sergio Mattarella e il presidente del consiglio Paolo Gentiloni e si concluderà con la visita alla comunità di Sant’Egidio.

Donald Trump – Roma.  Melania che, d’altro canto, non è avvezza ad incassare i “due di picche” della figlioccia in carriera, si dimena tra gli scintillanti flash dei paparazzi in delirio,  rivendicando  il suo inequivocabile ruolo di indiscussa first lady sugli immacolati red carpet dei candidi tramp-olini di corsia del Bambin Gesù; anche se c’è già chi maligna sul fatto che il ruolo di mamma amorevole sia un pugno in un occhio per la desperate housewife della Casabianca. Così, da “veterana ragazza immagine”, la bella Melania fa quel che si può. Intanto c’è già chi inneggia all'”antitrumpismo romano”: #Rome Resists e #UnitedWeStand sono due degli hastag della manifestazione antiTrump prevista ,per le 19, 30 di domani, a Piazza Bologna. Il calendario degli appuntamenti potrà subire, per ragioni di sicurezza, alcune variazioni di programma. Tra gossip, colpi di scena, rivolte popolari e cadute a stile libero lo spettacolo è assicurato. E, parafrasando Mr President Donald Trump: “E’ sempre bello essere sottovalutati”. Chi vivrà vedrà!

 

Vai sulla Home Page di LineaDiretta24.it

Leggi articoli dello stesso autore

 

Vuoi commentare l'articolo?

Annamaria Di Sibio

Passione e malinconia. Si, la vita è passione e malinconia; come l'estate e i rigidi inverni dell'anima, come la pioggia, con il suo triste e malinconico ticchettio, preludio alla primavera e poi l'estate, e ancora l'estate e l'eterna passione per la vita. Dura ma meravigliosa questa vita.Un dono inestimabile questa nostra esistenza: non siamo nati per sopravvivere, ma per vivere intensamente questo paradiso terrestre magicamente imperfetto che ci addestra leoni nella giungla d'asfalto della quotidianità. Cosa sarebbe la vita senza la malinconia? Che sapore avrebbe la felicità fine a se stessa, la gioia senza la soddisfazione del merito, della fatica, della sana competizione? Che sapore avrebbe una vita priva di coraggio, di lotta per la sopravvivenza e cosa sarebbe una vita senza ambizioni? Tristezza. Sarebbe insipida, inutile, sterile, frigida tristezza. Anche oggi la malinconia prende il sopravvento, mi lacera, mi incupisce, mi fa piangere. Io e la malinconia: amiche, compagne, sorelle. Abbiamo percorso lunghi sentieri, a volte tortuosi, a volte ripidi eppure siamo ancora qui, io e lei , a ridere delle paure del passato, a brindare alle vittorie ottenute, a benedire gli errori che ci hanno plasmato così come siamo adesso: vive, malinconicamente vive, magicamente noi, io e lei, la mia malinconia. La malinconia è donna, ne sono certa. Ha lunghi capelli nero corvino, proprio come i miei. Bussa ogni giorno alla mia porta per farmi compagnia, per ricordarmi che la fragilità è umana, che la tristezza e il dolore fanno parte della vita e che, senza di loro, non potrebbe esistere la felicità. Gioia e dolore: due facce della stessa medaglia, due modi di vivere e di pensare la vita. Si, la vita è ciò che pensiamo, è come la viviamo, è come la amiamo. La vita siamo noi. Questa sono io.