Cisgiordania: sedicenne ucciso da soldati israeliani

Ci risiamo. Un nuovo triste episodio nella storia infinita del conflitto israelo-palestinese; questa volta è un sedicenne ucciso da soldati israeliani. Il giovane ragazzo palestinese di 16 anni è rimasto vittima durante violenti scontri con i militari israeliani. La violenza si è consumata nei pressi di Hebron, in Cisgiordania. Questo è quanto ha diffuso il Ministero della Sanità dell’Autorità palestinese. Dall’altro lato, invece, i militari dello Stato ebraico  hanno dichiarato che “bottiglie incendiarie sono state lanciate contro veicoli di passaggio” e che all’ “improvvisa minaccia gli uomini hanno sparato” verso i responsabili di queste azioni come sola reazione.

Il sedicenne ucciso da soldati israeliani non è un unicum. Dal 2015 le forze israeliane hanno ucciso almeno 239 palestinesi, quasi tutti accusati di aver “aggredito” per primi. Invece i palestinesi sono responsabili della morte di 41 israeliani e due cittadini americani; quasi tutti in scontri armati con coltelli, ma talvolta anche travolti da veicoli lanciati contro i passanti.

L’ultimo attentato si è verificato nel gennaio scorso a Gerusalemme da Fadi Al Qundar, 28 anni, che, alla guida di un camion, si è lanciato contro un gruppo di soldati israeliani uccidendone quattro e ferendo almeno 17 persone. Il Primo Ministro di Israele Benjamin Netanyahu aveva ipotizzato una responsabilità del gruppo Stato islamico. Tesi poi indirettamente smentita dalla presa di posizione dello stesso Hamas, che aveva parlato di “atto eroico” e rivolto un appello ai palestinesi a “intensificare la resistenza”.  La conseguenza erano stati altri scontri tra militari israeliani e giovani del sobborgo Jabal Al Mukabbir di Gerusalemme, dove l’esercito israeliano aveva fatto irruzione e aveva circondato e bloccato gli accessi principali, sbarrando le strade con blocchi di cemento.

 

Ancora prima, a dicembre si erano verificate altre ostilità nell’area gerosolimitana con 354 episodi, tra tentativi di accoltellamento, sparatorie e attacchi con molotov, da parte dei palestinesi, e aggressioni di israeliani che, solo a dicembre, hanno ucciso cinque palestinesi e ferito altri 70.

Vai alla home page di Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

twitter: @letiziadelpizzo

Vuoi commentare l'articolo?

Letizia Del Pizzo

Mi chiamo Letizia Del Pizzo e sono nata a Roma nel 1991. Ho una laurea magistrale in Lettere Moderne e al momento frequento un master in Economia e Gestione dell'Arte e dei Beni Culturali presso la Business School di Roma de Il Sole 24Ore. Ho viaggiato molto, ma il mio sogno è contemplare il paesaggio silenzioso intorno alle rovine di Machu Picchu. Trascorro il mio tempo libero dedicandomi alla lettura, al cinema e alle serie tv. Adoro passeggiare con miei amici per la città e scoprire le continue iniziative culturali. Mi piacerebbe diventare una giornalista, una scrittrice o una critica cinematografica, perché sono convinta che le passioni acquistano valore quando vengono trasmesse.