Amanda Knox: “Io non ero in quella casa”

Dopo il processo per la morte di Meredith Kercher tenutosi oggi a Firenze dal procuratore aggiunto  Alessandro Crini, Amanda Knox continua a definirsi innocente e addirittura afferma ”Io in quella casa non c’ero”. Lo ha ribadito la ragazza di Seattle parlando con uno dei propri legali, Luciano Ghirga, al termine della requisitoria del pg di Firenze che ha chiesto 30 anni per lei e 26 per Raffaele Sollecito, riferendo di quella famosa notte del 1 novembre 2007.  “Senza parole” si è detto Francesco Sollecito, padre di Raffaele: “Mi aspettavo una cosa diversa”. A differenza di ieri, stamani Raffaele non era in aula, ma si trovava comunque a Firenze, ed al termine della requisitoria è stato raggiunto dal padre.

Vuoi commentare l'articolo?

chiara caproni

Sono laureata in filosofia. Da quando andavo alle elementari mi sono sempre sentita dire che ero polemica, e ora che ho 28 anni lo sono ancora di più e ne vado fiera. Amo profondamente la mia famiglia e sono sempre dell'idea che si vive per amare. Fantasiosa e razionale convivo con una personalità doppia, che mi fa essere la persona più comprensiva del mondo, ma anche la più stronza. Credo che la maggior dote dell'essere umano sia saper ascoltare! -I love animals, write, and eat red velvet cake-

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->