Afghanistan, sparano al suo husky perchè donna

Sahba Barakzai e la sua famiglia stavano portando a fare una passeggiata tra i boschi il loro husky, Aseman, come ogni weekend e come con estrema facilità e consuetudine accade in tutto il mondo. Ma a Herat anche un gesto così usuale può essere un azzardo se compiuto da una donna.  

AfghanistanMentre la famiglia ed il cane erano tra i boschi un uomo è spuntato dagli alberi sparando un colpo al cane. Sahba ha gridato, è corsa verso il corpo insanguinato di Aseman, chiedendo all’uomo di fermarsi. Ma altri armati sono usciti allo scoperto  – ha raccontato la famiglia Barakzai alla Bbc – ed hanno sparato altre quattro volte.Gli uomini le hanno intimato di lasciare il cane dov’era esclamando poi Una donna non può avere un cane”.

La motivazione di questo gesto indegno potrebbe risiedere nelle attività “anticonformiste” di Sahba. La ragazza a Herat era famosa perché aveva sfidato le convenzioni insegnando alle ragazze a fare sport. Arti marziali e bicicletta. “Ancora non sappiamo cosa abbia spinto quegli uomini a sparare. Ma crediamo che abbia a che fare con il lavoro di Sahba – dice ancora la famiglia alla Bbc-. Era la prima donna proprietaria di un club sportivo”. Shaba aveva già subito delle minacce, ma lei da dieci anni a questa parte andava avanti con la sua attività. Ma in un paese in cui soli vent’anni fa le bambine, solo perché femmine, venivano tenute lontano dai banchi di scuola, vedere delle donne andare in bici è uno scandalo. Finora Sahba aveva resistito alla mentalità retrograda e alle minacce, ma la morte di Aseman è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ha deciso di lasciare l’Afghanistan “In un Paese dove le persone ammazzate non fanno notizia, figuriamoci se aveva senso denunciare alla polizia la morte del mio Aseman. Che ne avrei ricavato?”.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.