Intervista a Valentina Martino Ghiglia protagonista di Tacchi misti

Valentina, cosa significa per te portare questo spettacolo nel tuo quartiere e in un teatro storico come il Belli?
Beh, è sempre emozionante tornare a recitare nel teatro dove ho debuttato nel lontanissimo 1986. Avevo appena 19 anni ed ero da poco entrata all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”… Un teatro dove, confesso, anni prima avevo perso pure i miei denti da latte. Avendo due genitori che lavorano nello spettacolo, io ci ho passato anche infanzia e adolescenza in teatro, e molto di quel periodo proprio in quel teatro Belli dove torno di sovente a recitare! I miei primi ricordi sono proprio nei suoi camerini dove, oltre a perdere i dentini, guardavo trasognata Magda Mercatali che si truccava davanti allo specchio.
Infatti tuo padre ha collaborato con i più grandi nomi del cinema e del teatro…
Sì, e a tutt’oggi ci sono film degli anni ’60, come Adios Gringo (un classico del genere spaghetti-western), che continuano ad essere trasmessi in tutto il mondo, un film che aveva come protagonista Giuliano Gemma, scomparso prematuramente da poco. Per non tacere delle sue splendide musiche che il nostro regista Ferdinando Ceriani ha scelto per Tacchi misti.
Hai vissuto  a Trastevere i primi anni della tua vita, hai un ricordo particolare legato a Trastevere e ai personaggi che frequentavano la vostra casa?
Io ho lasciato la casa trasteverina alla “tenera” età di 21 anni, finita l’Accademia, ma continuo comunque a viverla. Non solo perché mia madre ancora ci abita, ma perché per me Trastevere continua a essere il mio quartiere: io prima di essere romana, sono trasteverina! Un ricordo della mia infanzia è legato a Piazza Santa Cecilia e al giardino della Chiesa (che allora era assolutamente abbandonato e se stesso) dove giocavamo tutti i pomeriggi. Eravamo un gruppetto di bambini di varie famiglie, residenti tra Via dei Salumi, Via Dei Vascellari e Piazzetta De’ Mercanti. Mi ricordo la salumeria e il forno di Pierino, l’antica farmacia a Piazza in Piscinula e il negozietto di abbigliamento 0-12 lì vicino le cui proprietarie erano due sorelle, una alta alta…
E infine raccontaci qualcosa in più sullo spettacolo… C’è un personaggio femminile che avresti voluto interpretare ma non c’è fra quelli proposti?
Questo spettacolo è nato come una scommessa e nessuno di noi poteva mai immaginare il successo che invece ne è scaturito. È uno spettacolo divertentissimo e noi amiamo veramente recitarlo; in scena ci divertiamo molto e il pubblico questo lo sente e lo apprezza, anche quando viene coinvolto in prima persona. In quanto ai personaggi, i quattro che interpreto io sono proprio quelli che volevo fare fra i tanti scritti dalla Kellett. Ce li siamo scelti, anzi “capati” personalmente io e le mie colleghe Carla Ferraro, Corinna Lo Castro e Silvia Siravo, aiutate dall’acume del nostro grande regista Ferdinando Ceriani. Ne viene fuori una divertente e irriverente galleria di personaggi femminili raccontati, cantati e ballati in una sequenza rapidissima, una sorta di “roulette russa” dove a ogni numero corrisponde, appunto, un paio di scarpe. Se siete curiosi si possono già vedere dei video promo dello spettacolo su youtube digitando Tacchi misti.

 

Twitter: @GianluGaeta

Vai alla home page

Leggi altri articoli dello stesso autore

 

Vuoi commentare l'articolo?

Gianluca Gaeta

Il Direttore - Nasce come giornalista d'inchiesta, spaziando tra politica e cronaca. Dirige negli anni le testate giornalistiche ccsnews e parolibero infine approda a LineaDiretta24. Tra le sue attività, c'è quella di sindacalista. Viene eletto all'unanimità Segretario Nazionale dell' Associazione sindacale autonoma Giornalisti Italiani "Asagi". Esperto di sicurezza sul lavoro e di contrattazione sindacale. Si batte per la tutela dei lavoratori non solo in ambito giornalistico. L'inchiesta, il suo primo amore, non lo molla e non la molla mai.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->