Sparkleday 2016: la grande festa delle bollicine

Sabato 21 novembre, nelle lussuose sale dell‘Hotel Westin Excelsior a Roma, si è svolto lo Sparkle day 2016:
la più grande degustazione dedicata ai migliori vini spumanti italiani, una vera e propria festa delle bollicine nazionali.
Più di 60 case vinicole e 170 etichette in assaggio hanno attratto moltissimi appassionati, per celebrare le 5 sfere assegnate ai migliori spumanti secchi d’Italia dai redattori della guida Cucina & Vini Sparkle 2016.

La qualità dello spumante italiano è molto cresciuta negli anni, ed i nostri vini frizzanti sono sempre più apprezzati nel mondo, trainando le esportazioni di vino nostrano con una quota del 24%( nel 2015) specie verso UK e USA.

La prima sala, dedicata sopratutto ai Franciacorta, gremita di visitatori, dimostra subito il crescente gradimento per questo vino. Non più considerato” vino per feste” ma adatto a tutte le occasioni, la Franciacorta è infatti la più premiata con ben 22 allori su 69. Bellavista e Ca’ del Bosco dominano meritatamente la categoria seguiti da Berlucchi, Mosnel, Uberti. Molto apprezzati all’assaggio di Uberti “Comarì del Salem Franciacorta Extra Brut Millesimato” 2009, che conquista col suo perlage finissimo ed il profumo intenso di legno, e di Ca’ del Bosco il “ Franciacorta Vintage Collection Dosage Zéro Noir “2006, che in questa edizione vince il premio“Vino dell’Emozione”.

Segue il Veneto, con 17 riconoscimenti : ricordiamo le ben meritate 5 sfere del “Valdobbiadene Granda Brut”2014 Masottina e Bortolomiol con “Valdobbiadene Prosecco Superiore di Cartizze” 2014, dalle note di frutta, fresco al palato e cremoso. Segnaliamo anche il“Millesimato Valdobbiadene Dry” di Andreola, che seduce per il suo perlage finissimo, le fragranze di pesca e le note floreali.

Trento chiude il podio: a 15 suoi produttori vanno le 5 sfere. Spiccano Abate nero e Cavit con il ” Trento Riserva Altemasi Graal Brut” 2008, dal gusto minerale ed agrumato. Ferrari, Moser, Letrari, Metius, Revì alcune delle cantine TRENTO doc di alto livello presenti in assaggio.
La cantina Araprì di Puglia, con il convincente“35° Anniversario Brut Sauvage 2009”, è il portabandiera per il Sud.

Protagonisti  allo Sparkleday anche i cibi”street food”: molto originale e buona “la dolce bufala”, il 1°dolce di mozzarella di bufala al mondo da Dolce terra, e i panini di spada da Piano strada.

Infine il Piemonte ci regala le note fresche e dolci di pompelmo dell’eccellente Soldati La Scolca d’Antan Blanc de Blanc Brut 2004, da vitigno Cortese.

Concludiamo così la degustazione brindando a questo Sparkleday ’16, in attesa di nuove pregiate bottiglie nella prossima edizione.

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Franci

Sono nata a Roma e mi sono laureata con lode in scienze della comunicazione. Mi occupo di marketing ed eventi, amo le sfide e scrivere. Sogno di viaggiare in tutto il mondo e appena posso lo faccio. Ho un debole per la buona cucina e le cose belle, il cinema ed imparare sempre cose nuove.