Roma non è una città per mamme

  • Progresso Sociale

  • Vivibilità

Poor 1.5

Buche, macchine in doppia fila che bloccano la circolazione dei pedoni e smog. Diciamo che Roma non è una città adatta alle mamme con bambini e carrozzine e passeggini al seguito. Che ne pensano le mamme che abitano nella Capitale?

“Roma è una città meravigliosa”, dice Anna, 31 anni, mamma di Alessandro (3 mesi), “ma è impossibile da vivere soprattutto per le mamme che lavorano. Una mamma con un bambino piccolo ha dei tempi strettissimi, ancora di più quando lo allatta e purtroppo non ci sono strutture che ti aiutino e che ti permettano di essere produttiva e allo stesso tempo di stare con il tuo bebè. Non so penso sia ad asili nido aziendali che ad agevolazioni per i parcheggi. I mezzi di trasporto pubblico non funzionano e ovviamente il bimbo non aspetta che io parcheggi. Ore e ore nel traffico, è tutto una corsa infinita contro il tempo. Oggi per esempio sto aspettando l’autobus per andare a lavoro, ho lasciato il piccolo a mio marito tirandomi il latte e ora già sono con l’ansia di tornare presto per allattarlo. Ma chissà per quanto dovrò aspettare l’autobus. Purtroppo ci troviamo spesso a dover scegliere se essere madri o donne in carriera perché questa città non ti aiuta. E per le donne che scelgono per amore di allattare il proprio figlio diventa impossibile lavorare”.

Il primo e più evidente problema è quello della circolazione: “I mezzi pubblici sono sempre affollati e gli autobus sono privi di pedane che aiutano le mamme con i passeggini. Risultato è che i mezzi si possono prendere solo alle 11 del mattino, quando tutti lavorano”, dice Angela, 35 anni, mamma di Giordano (7 mesi). “Mezzi strapieni e strade dissestate per girare con il passeggino”, aggiunge Beatrice, 34 anni, mamma di Arturo (6 mesi), e Graziella, 36 anni, mamma di Sebastiano, appena nato, chiosa: “Oltre a schivare buche e cacche devi anche aggirare le auto parcheggiate sul marciapiede”.

“Per me questa città è doppiamente inadatta”, dice Sabrina, 35 anni, ragazza con una disabilità e mamma di Davide (3 mesi), “A parte i marciapiedi rotti e pieni di buche, quando sono andata alla ASL di Centocelle per fare i vaccini a mio figlio gli ascensori erano troppo piccoli e stretti per la carrozzina o non funzionavano”. Ma Roma a quanto pare è anche una città difficile dal punto di vista sociale per le mamme. “Non ci sono posti dove poter allattare in giro, non so anche da Coin, lontano da sguardi indiscreti e che possano essere un minimo appartati”, dice Marta, 35 anni, mamma di Leonardo (1 mese). E Angelica, 35 anni, mamma di Luca (3 mesi), aggiunge: “Posti per allattare mancano anche nei centri commerciali come Porta di Roma. Per non parlare del fatto che non esistono nidi aziendali e bisogna per forza ricorrere a babysitter o negli asili comunali che però hanno pochi posti”.

Poche realtà sono baby-friendly e solo da poco tempo si iniziano a vedere i fasciatoi nei bagni dei ristoranti (con mio grande stupore!).Cosa che, a mio avviso, dovrebbe essere obbligatoria” dice Marta, 31 anni, mamma di Adriano (3 anni) e Giulio (6 mesi), “Già uscire a cena fuori con un bambino è parecchio stressante, ma così ti passa proprio la fantasia. Se poi hai il coraggio di uscire si è spesso costretti a metterli davanti allo schermo dell’Ipad, cosa che trovo molto triste, ma che faccio anche io per quieto vivere. Basterebbe mettere a disposizione un piccolo spazio, magari con un po’ di fogli e matite, dove i bimbi possono passare il tempo. Purtroppo penso che i ristoratori temono che la presenza dei bimbi dissuada i clienti senza bambini. Perché è tanto difficile pensare che si possa vivere serenamente insieme adulti e bambini?”. E Gaia, 35 anni, mamma di Francesco (3 anni) e Tommaso (9 mesi), aggiunge: “La gran parte dei locali di Roma non ha strutture adatte per i bambini. Spesso anche i ristoranti sono sprovvisti di seggioloni. Trovo che sia una città discriminatoria nei confronti delle mamme e dei bambini“

“Effettivamente il problema è, a parte l’accessibilità fisica della città, quello dell’accessibilità sociale che ti porta a godere e a fruire di tanti spazi comuni. Ville e parchi sono sacrosanti ma ci piacerebbe anche avere qualche spazio in più proprio per non ridurre la genitorialità in ghetto”, conclude Sara, 35 anni, mamma di Bianca (12 mesi).

babyfriendly

Vuoi commentare l'articolo?

Giulia Lucchini