Una commedia in cerca di autori: la caccia sta per concludersi!

Ci siamo quasi: ancora poco più di un mese e la seconda edizione del concorso “Una Commedia in cerca d’autori”, entra nella sua fase clou. I copioni, che possono essere consegnati entro il prossimo 28 febbraio, verranno valutati da una giuria di esperti, che dovranno decretare il vincitore entro maggio.

Il concorso vuole dare una sferzata di energia a un filone, quello della commedia brillante contemporanea, che troppo spesso in Italia risulta assente o poco presente nei teatri, nelle scuole e nei laboratori di recitazione, propensi piuttosto a replicare, riformulare e reinterpretare i classici antichi e moderni. Nel teatro di oggi si tende a rifare e si stenta invece a creare. Qualcosa si sta muovendo sui palcoscenici dell’Italia centro-meridionale, ma al Nord c’è ancora bisogno di una scossa.

A darla è stata lo scorso anno il Teatro Martinitt di Milano, con la prima edizione di un concorso stimolante, dedicato ad autori tra i 18 e i 40 anni, residenti in Lombardia e iscritti e non alla SIAE. Per questa seconda edizione anche il Lazio, con il Teatro de’ Servi di Roma, regala la soddisfazione non solo di veder riconosciuto il proprio testo, ma soprattutto quella impagabile di vederlo diventare un vero e proprio spettacolo, che andrà in tournée in varie piazze d’Italia. Madrina del concorso è l’attrice Geppi Cucciari, cui il teatro è molto caro e che ben incarna lo spirito brillante e frizzante che caratterizza appunto la nostra commedia contemporanea.

Il bando può essere scaricato dal sito www.teatromartinitt.it. Il termine ultimo per la consegna dei copioni inediti (commedie in 2 atti con 3-5 attori) è il prossimo 28 febbraio 2014 alle ore 18.00. Una giuria di esercenti teatrali sceglierà il vincitore che vedrà la sua opera allestita e distribuita nelle sale del Teatro Martinitt di Milano, del Teatro de’ Servi di Roma e in altri teatri in Lombardia e nel Lazio.

Per informazioni: http://www.teatromartinitt.it/concorso2014.php

Vuoi commentare l'articolo?

Redazione Parolibero

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->