Ludovico Einaudi, due date sul palco di Luglio Suona Bene 2016

Ludovico Einaudi

24/07/2016 Cavea ore 21:00

25/07/2016 Cavea ore 21:00

Ludovico Einaudi

“Elements”

Ludovico Einaudi  pianoforte
Federico Mecozzi violino
Redi Hasa violoncello
Alberto Fabris  live electronics, basso elettrico
Riccardo Laganà percussioni
Francesco Arcuri chitarre

 

Ludovico Einaudi ritorna nella cavea dell’Auditorium Parco della Musica per una tappa estiva del suo tour Elements. Elements è un disco dai contorni ancora più trascinanti e decisi dei precedenti: “Elements nasce da un desiderio di ricominciare daccapo, di intraprendere un nuovo percorso di conoscenza. C’erano nuove frontiere – sul filo di quello che conoscevo e di quello che non conoscevo – che da tempo desideravo indagare: i miti della creazione, la tavola periodica degli elementi, le figure geometriche di Euclide, gli scritti di Kandinsky, la materia sonora, ma anche i colori, i fili d’erba di un prato selvaggio, la forme del paesaggio. Per mesi ho vagato dentro una miscela apparentemente caotica d’immagini, pensieri e sensazioni; poi, tutto gradualmente si è amalgamato in una danza, come se tutti gli elementi facessero parte di un unico mondo, ed io anche.” Questo è Elements. Se non fosse musica sarebbe una mappa dei pensieri, a volte chiari, a volte sovrapposti, punti, linee, figure, frammenti di un discorso interno che non si ferma mai.”

 

Biglietti:da 30,50 a 60 euro

Biglietteria 892.101 (Clicca e visualizza i costi del servizio)

Un evento di:

Vuoi commentare l'articolo?

Viola D'Elia

Nata 27 anni fa, ha vissuto a Roma, Istanbul e in India. Sempre pronta a fare le valigie, sogna di vedere ogni angolo di mondo. Oltre a coltivare ambizioni alla Jules Verne, i suoi interessi includono accumulare libri, la musica e il cinema. E’ capace di commuoversi ogni volta che rivede Hugo Cabret; ama scrivere e fare domande, ma non riceverne. Specialmente di lunedì mattina. Crede fermamente nella filosofia di Big Fish: «Tenuto in un piccolo vaso il pesce rosso rimarrà piccolo, in uno spazio maggiore esso raddoppia, triplica o quadruplica la sua grandezza».