5 mete per un viaggio in moto

Casco integrale e qualche capello che svolazza qua è là, un abbigliamento adatto e tanto spirito avventuriero, così un viaggio in moto per il mondo rimane una delle esperienze più eccitanti e adrenaliniche di sempre, per i veri amatori si intende.

Non c’è cosa più bella che sentirsi liberi di scegliere, di andare dove “ci porta il vento” e visitare i posti più belli da un’altra prospettiva: la sella di una moto. Un viaggio del genere richiede sicuramente una discreta quantità di tempo e un’ampia pianificazione, ma ne varrà decisamente la pena! Un viaggio in Europa è sicuramente più semplice da organizzare e nella maggior parte dei casi serve solo una carta d’identità, ma anche le mete intercontinentali sono gettonatissime.

Se decidete di viaggiare su due ruote, all’appello non può mancare: un kit di attrezzi per eventuali guasti, cartine stradali e navigatori satellitari e i numeri telefonici di assistenza. Dal Lago Trasimeno in Italia, alla Romania, dall‘Inghilterra alla Spagna, dalla Finlandia al Giappone, ecco 5 mete per un viaggio in moto.  

VIAGGIO IN MOTO TRA LE BELLEZZE DEL CENTRO ITALIA: IL LAGO TRASIMENO

Il Lago Trasimeno propone, oltre alle sue bellezze naturali e ai i suoi tramonti mozzafiato, offre delle strade ottimali per un viaggio “on the road” su due ruote. Da Castiglione del Lago a Tuoro sul Trasimeno, da ovest a est, questo itinerario si estende su una superficie di 52 km ed è consigliato, per una visita completa, fare almeno un giro di due giorni pieni, fermandosi a dormire in qualche b&b intorno l lago. Diversi i luoghi da visitare nelle vicinanze: il Palazzo Ducale, che ospitò personaggi illustri come Machiavelli e Leonardo da Vinci, la Chiesa di San Giuliano, la Valle di San Feliciano, il Lago Magione, dove viene prodotto l’olio d’oliva, scelto dal Papa e dal Vaticano, la Torre dei Lambardi e infine il Santuario di Maria Santissima dei Miracoli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

VIAGGIO IN MOTO NELLA TERRA DI DRACULA: LA ROMANIA

Tra strade leggendarie e regioni mitiche come la Transilvania, meglio conosciuta come la terra di Dracula, la Romania, è una terra affascinante e ricca di motivi per una magica avventura su due ruote. Tra castelli antichi e fortezze secolari, bellissime spiagge del Mar Nero e rilassanti centri termali, questa terra è una delle mete più suggestive di tutto l’Est Europa. Il periodo ideale per visitarla è quello che va da maggio a settembre, da evitare quindi i mesi freddi e nevosi. Le tappe che questa terra mette a disposizione dei suoi visitatori sono davvero tante, ma tra le predilette: la leggendaria Transilvania, la Bucovina e i suoi secolari monasteri, la Transalpina, meglio conosciuta come la “Strada del Re” o “Sentiero del Diavolo” e la bella Bucarest, immersa nel verde di una vegetazione rigogliosa, con il delta del Danubio e uno dei parchi meglio conservati in Europa e Patrimonio dell’Unesco, nonché area protetta del WWF.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA SPAGNA IN MOTO: TRA CITTA’ MEDITERRANEE E VETTE

La terra spagnola, tra zone collinari o montuose, tra paesaggi naturali e monumenti, è una delle mete più inedite per un favoloso viaggio in sella ad una moto. Dalle Vette dei Pirenei al Cammino di Santiago, la bellezza di questo tour vi regalerà delle emozioni uniche e alquanto diverse da una semplice visita nella città. Tappe fondamentali e obbligatorie sono, senza ombra di dubbio, Barcellona e Valencia, cara agli appassionati di MotoGp. Da visitare anche tutta l‘Andalusia in generale, dal Passo di Roncisvalle, al Cammino di Santiago, dai Paesi Baschi e le Asturie, alle Baleari, come Minorca, è una delle mete predilette e più amate dai “centauri”. Con la moto è facile muoversi da una parte all’altra della Spagna, ottimizzando i tempi e ammirandone, per quanto più possibile, le bellezze dei territori. Città come Granada, ottima per la qualità dei suoi prodotti culinari, Espejo, città di antichissima origine che si schierò con Roma durante la guerra civile tra Giulio Cesare e Pompeo e Cordoba, rinomata per sue sue maestose opere risalenti al periodo saraceno, sono sicuramente dei luoghi degni di nota e rinomati che non possono mancare all’appello.

Questo slideshow richiede JavaScript.

NEL CUORE DELLA REGIONE DEI LAGHI: LA FINLANDIA IN MOTO

La Finlandia, e soprattutto la Regione dei Laghi, è una delle mete più suggestive per un viaggio in moto. Helsinki è sicuramente un punto di partenza ideale, sia perché trattandosi della Capitale è una tappa obbligatoria, ma anche per semplici motivi logistici. La collina di Koli, con i suoi 350 metri, che si erge sul lago Plienen, è una delle grandi protagoniste di questo viaggio in moto. All’appello poi non può mancare una tappa intermedia a Porvoo, una città storica e dalle tipiche casette rosse e fiore all’occhiello di questo splendido tour, il Lago Saimaa, dove vive una rara specie di foca d’acqua e i corsi e gli specchi d’acqua di Savonlinna e Mikkeli che contraddistinguono per peculiarità e particolarità la regione. Dulcis in fundo, i finlandesi hanno un concetto di traffico diverso: per loro un rallentamento di un paio di minuti equivale a “traffico congestionatoˮ, dunque in genere le strade non sono per niente affollate e si possono percorrere chilometri e chilometri in estrema solitudine, cantando a squarciagola con i capelli al vento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

GIAPPONE: VIAGGIO IN MOTO NELLA TERRA DEI SAMURAI

L’Estremo Oriente già di per se gode di un fascino surreale, poi viaggiare in sella ad una moto può raddoppiare, se non triplicare la magia. Il Giappone, la terra dei samurai, rimane oggi una delle più belle terre da scoprire. Arrivati sul posto affrettatevi ad affittare una moto e poter iniziare così il vostro viaggio on the road su due ruoto. Tokyo, la Capitale, è la tappa obbligatorio e punto di partenza per la vostra “avventura”. I luoghi più importanti sono: il parco naturale Fuji-Hakone-Izu, di importante sacralità nipponica, le sorgenti termali di Atami, posti incontaminati che svelano tutta bellezza di questa stato e Hiroshima, con visita all’isola di Miyajim, dov’è obbligatoria la fermata al santuario di Itsukushima,  patrimonio dell’umanità. Un viaggio del genere si può fare anche in due settimane, i servizi lungo il paese sono eccellenti in grado di aiutarvi in ogni evenienza e capaci di far fonte ad ogni tipo di imprevisto. Serve solamente un po’ di pratica prima di prendere il via, ricordandovi che in Giappone si guida a sinistra! 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter @carodelau 

Vuoi commentare l'articolo?

Anna Carolina De Laurentiis

Nata a Roma, sotto il segno dei Pesci! Solare, determinata e tanto curiosa! Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, amo viaggiare e scoprire il mondo! Redattrice presso LineaDiretta24, curo in particolare la sezione viaggi e tv!