Festa del Cinema di Roma: i look promossi e bocciati [FOTO]

Si sono aperti i battenti dell’undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, l’evento organizzato da Fondazione Cinema per Roma che celebra l’arte cinematografica in tutte le sue declinazioni. Dal 13 al 23 ottobre sarà l’Auditorium Parco della Musica il fulcro della manifestazione e soprattutto palcoscenico del red carpet dove hanno già sfilato personaggi del calibro di Tom Hanks; ma oltre al talento cosa hanno indossato  le star? Ecco i look promossi e bocciati della Festa del Cinema di Roma.

Festa del Cinema di Roma: i look promossi a pieni voti

Durante la cerimonia di preapertura è stato presentato In guerra per amore, il nuovo film di Pif ( Pierfrancesco Diliberto) che vede come protagonista la bellissima Miriam Leone. L’ex iena ha inaugurato il red carpet in grande stile con il suo abito in seta color panna dagli inserti floreali, la scollatura profonda, ma non troppo, mostrava un dècolletè generoso che ben si conciliava alla sinuosa forma delle irregolarità dell’abito nella parte inferiore. Miriam Leone con il suo look da diva e la sua eleganza si è guadagnata un bel 10. Sul red carpet della Festa del Cinema di Roma ha sfilato un’altra ex miss Italia: Francesca Chillemi che ha sfoggiato una forma perfetta a meno di un anno dal parto. Il suo abito firmato Dsquared2 era estremamente chic, dal taglio classico e ben avvitato; gli orecchini grandi e luminosi arricchivano l’outfit rendendolo sofisticato. La bella compagna di Stefano Rosso è promossa a pieni voti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

C’è chi invece ha puntato su un look più serio, ma allo stesso tempo sexy come Valeria Solarino con il suo completo Missoni. I pantaloni palazzo e il blazer in tinta erano estremamente seriosi, ma il tutto è stato smorzato da un top corto che ha dato al suo red carpet un tocco di sensualità.

Tom Hanks e Rita Wilson sono stati “classicamente” eleganti e romantici; l’attore hollywoodiano era una delle star più attese di questa Festa del Cinema di Roma e ha sfilato sul red carpet insieme a sua moglie. Completo classico per lui e vestito oro per lei, dal taglio morbido che ben si addice ad una signora, ma l’accessorio che fa promuovere a pieni voti la loro mise è stato il romanticismo.

Eccessiva, stravagante e kitsch: Maria Ripa di Meana ha sfoggiato un completo che sembrava essere firmato Picasso, con tanto di copricapo di piume. A farla promuovere non è il suo buon gusto, ma la sua coerenza con il suo stile sempre eccessivo, tra le righe e divertente.

Tra mise poco eleganti e troppo caste, ecco i look bocciati!

Ha fatto parlare di sé la sindaca di Roma Virginia Raggi che ha sfilato sul red carpet della Festa del Cinema di Roma durante la cerimonia d’inaugurazione. Sarà che ormai la Raggi ha fatto l’abitudine ad essere sommersa dalle seriose questioni burocratiche della città eterna, sarà la poca “esperienza” nelle uscite glamour, fatto sta che la sindaca di Roma ha sfoggiato un outfit decisamente più adatto all’ufficio che alla Festa del Cinema di Roma. Il pantalone morbido nero e la blusa, simil cappotto, altrettanto morbida mal si conciliavano con la sua figura esile; la borsa lucida era più adatta al supermercato che ad un red carpet. L’unica attenuante che possiamo dare alla sindaca di Roma è che questa era la sua prima uscita glamour, speriamo che con l’esperienza impari a scegliere l’outfit adatto a queste occasioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Senza ombra di dubbio bellissima Chiara Di Giacomo, il suo viso resta l’accessorio migliore per lei e forse, in questo red carpet, l’unico a brillare. Super abbottonata la sua mise total black, il pantalone e il corpetto neri erano coperti da un trench che ricordava quello di Bianca Balti durante Venezia73. Peccato che la top model era risultata estremamente sexy lasciando le gambe scoperte, mentre Chiara ha ottenuto l’effetto opposto risultando troppo “abbottonata” e non mettendo in risalto la sua fisicità.

Mise fantasiosa, forse troppo, per Daphne Scoccia. Blusa simil floreale e gonna al ginocchio dalla fantasia geometrica, a completare l’outfit poco elegante le scarpe dalla fascia nera che erano l’unica cosa abbinata alla pochette.

Tenta il look “aristocratico” Daniela Santanchè, accompagnata da Dimitri D’Asburgo Lorena. C’è poco da fare, con il sangue blu ci si nasce e cara Daniela “tu non lo nacqui”; l’abito semplice nero poteva essere impreziosito da un elegante collier, non da una “borghese” pelliccetta smanicata.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.