Legittima difesa, il governo si divide