Vacanze e allenamenti di tennis

 

Dopo i Masters di Londra in terra brittanica quello che si sta dando più da fare di tutti è Andy Murray. Non è facile dire se la sua voglia di mollare gli allenamenti neanche per un attimo è una sua vocazione o una strategia dell’uomo che gli ha dato quella consapevolezza che allo scozzese fino ad ora era mancata e che ha fatto la differenza nelle sue ultime apparizioni. Us Open e le belle performances di Winbledon e delle Olimpiadi impongono ad Ivan Lendl di proseguire ad insegnare e inculcare nella testa del cocciuto britannico le sue tattiche. Ad un intervista al giornalista di un noto quotidiano inglese, Danny Griffiths, Lendl ha confessato: “quello che mi ha persuaso a lavorare con Andy è stato quello che ho percepito già nel primo colloquio teefonico. Aveva tanta voglia di imparare, tanta voglia migliorare e tanta voglia di vincere”.

Un altro mentore sta seguendo il suo campione. Il famoso Toni, zio-coach di Rafael Nadal che si è recentamente lasciato andare ad interviste per lamentarsi del numero di finali che si giocano sul veloce. Troppe secondo lui rispetto a quelle che si disputano sulla terra, d’altra parte ognuno fa i suoi interessi. Polemiche a parte, anche il Maiorchino, attuale numero 4 del seeding, non sta dedicando il suo tempo al riposo che anzi, è stato d’obbligo a cuasa dell’infiammazione al ginocchio sinistro, fino ad adesso. E’arrivato l’annuncio ufficiale che Rfa torna in campo e sta ora muovendo i suoi primi passi sui terreni da gioco.

Nel frattempo Rogere Federer ha annunciato il calendario che intende seguire nel 2013.  Rinuncerà ad alcuni tornei importanti fra cui il suo amatissimo appuntamento in casa, a Basilea. Depennati anche Miami e Montecarlo. Roger ora in vacanza sa che deve dosare forze ed energie ed avvalendosi delle norme Atp che tutelano i giocatori over 30 che hanno in carriera 600 incontri ha assicurato la sua presenza a 14 appuntamenti fra cui i principali quattro dello Slam, Rotterdam, Indian Wells, Madrid, Roma, Halle, Montreal, Shanghai, Cincinnati, Prigi-Bercy. Rimane incerta la partecipazione alla Davis.

E come procedono le vacanze del numero Uno? Nole, con un finale di stagione ad alto livello, ha ritrovato la voglia di ridere e di far sorridere il suo pubblico. Nel tempo delle tempo di esibizioni Novak Djokovic, durante la sua prima settimana di vacanza, tra  Slovacchia e Brasile otre al tennis si è allenato a migliorare le sue famose imitazioni. Ultima vittima di una sua parodia è stata Serena Williams. Drante la gara con Klizan, il serbo ha sfoderato una nuova esilarente imitazione già reperibile su internet che si aggiungerà a quelle già visualizzate con innumerovoli click di  Nadal, Sharapova e Roddick, ormai suoi calli di battaglia.

Vuoi commentare l'articolo?

Daniela Lazzari

Giornalista per sport’ nel senso letterale, ma anche metaforico del termine… Da diversi anni si aggira nei meandri della redazione per infastidire colleghi e mettere a disagio i lettori. Ci sta riuscendo alla grande. Questo la spinge a proseguire e a perseverare con devozione nel suo lavoro. Interessi? Tanti. Se fai molte cose, si sa, finisci per farne bene poche. Forse blaterare on line di sport e tutto il resto è una di quelle poche. Difetti? Troppi. Pregi? Non troppi. Diceva il buon vecchio Einstein : “Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo”. Il fatto che stiate ancora leggendo queste righe ha un ‘non so che’ di miracoloso…

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->