La Serie B si inchina al Carpi

Tante emozioni in questa entusiasmante giornata infrasettimanale del campionato cadetto. Il Carpi non brilla, ma alla fine dei novanta minuti conquista la promozione diretta nella massima serie. Il Bologna riparte, ma deve stare molto attento, poiché la seconda posizione è sempre più in bilico.

Buona la seconda per il Carpi. Dopo una sfida ricca di paura e sofferenza gli emiliani trovano un punto, a dir poco fondamentale e storico, contro il Bari e realizzano il sogno della massima serie. Gli uomini di Fabrizio Castori entrano nella leggenda sportiva di questa piccola cittadina, trovando per la prima volta la Serie A. Al di là di tutto, i biancorossi, fin dai primi turni, hanno meritato la promozione. Non solo per il loro gioco tatticamente perfetto che in questi mesi ha fatto impazzire i tifosi, ma anche per quella capacità di addormentare l’incontro quando non sono nella condizione fisica ottimale. Non possiamo dimenticare i quattro pareggi di fila con il risultato 0-0, che gli hanno permesso, nonostante le difficoltà di quel periodo negativo di portare a casa dei punti. Inoltre il club del falco potrebbe addirittura superare il record del Palermo della scorsa stagione, vincendo tutti e quattro gli incontri rimanenti.

Per la lotta alla seconda posizione si aprono tre fronti diversi: da una parte abbiamo la superpotenza Bologna, dall’altra il Vicenza ed infine la sorpresa Frosinone. Per ora i canarini sono assolutamente favoriti, anche perché hanno approfittato degli errori nelle scorse giornate degli avversari, ed ora con la conquista di tre punti contro la Ternana, sono volati dietro la capolista Carpi. Però, tutto può anche succedere, poiché sono pochissimi i punti che dividono i tre team. Ogni sbaglio nei prossimi incontri, potrebbe determinare uno sconvolgimento totale della classifica.

Nella zona retrocessione l’equilibrio non cambia, regalando a tutti gli spettatori del campionato cadetto un finale a sorpresa. Sempre più disastrosa la situazione del Cittadella. I granata vengono devastati dallo Spezia ed ora rischiano seriamente di affondare negli abissi della Lega Pro. Bene, invece per il Crotone. Il club dello squalo, conquista tre punti fondamentali contro l’Avellino, e si avvicina sempre di più alla salvezza.

Questa volta possiamo dirlo con certezza, la Serie B si è inchinata alla capolista Carpi, non solo sul piano del gioco o della tecnica. I biancorossi, a differenza del Bologna, hanno compiuto un vero miracolo sportivo. La dirigenza carpigiana, invece di spendere tanti soldi come tutte le altre squadre, ha ridotto sempre più il budget di spesa, solo lo scorso anno c’è stata una diminuzione del 40%, costruendo però un progetto giovane, italiano e competitivo. Questo è un esempio importante per tutte le società di calcio. Come ha spiegato Belelli “Non si possono sminuire nel nome del business le favole che premiano la meritocrazia”. Mi raccomando non dite nulla a Lotito.

Risultati 38/a giornata:

Bologna – Catania 2-0
Brescia – Vicenza 3-0
Carpi – Bari 0-0
Cittadella – Spezia 1-3
Crotone – Avellino 2-0
Entella – Varese 0-1
Latina – Perugia 0-0
Livorno – Modena 1-1
Pescara – Pro Vercelli 1-0
Ternana – Frosinone 0-1
Trapani – Lanciano 1-0

Vuoi commentare l'articolo?

Daniele Giacinti