Incidente Alonso: un mistero ancora irrisolto

Fernando Alonso si è reso protagonista di un incidente anomalo sotto molti aspetti durante i testi pre-stagione in Catalogna. Il neo-pilota McLaren ha perso conoscenza dopo l’impatto ed è stato necessario un ricovero. La Fia ha aperto un’inchiesta.

Non è stata ancora fatta piena luce sulla dinamica e sulle cause dell’incidente che ha visto coinvolto Fernando Alonso durante il quarto giorno di test di F1 sul circuito del Montmelò. I primi soccorritori hanno trovato l’asturiano privo di conoscenza nell’abitacolo dopo l’impatto. Il risveglio è avvenuto solo una volta tolto il casco ma è stato necessario sedare il pilota visto il suo stato di agitazione. Alcune voci parlano di un guasto meccanico, forse una scossa elettrica, altre ancora ipotizzano persino un malore antecedente l’impatto. In conferenza stampa Ron Dennis, titolare della Mc-Laren, ha voluto gettare acqua sul fuoco spiegando la dinamica dell’accaduto: “Alonso ha toccato l’erba sintetica sul lato sinistro del tracciato e la vettura si è diretta verso il muro sul lato opposto”, individuando nelle forti raffiche di vento una concausa della perdita di controllo. Tutto nella norma, a sentire Dennis. Se non fosse che nei paraggi del luogo dell’impatto si trovasse Jorge Vidal, fotografo: “mi sono fermato alla curva tre per degli scatti. Guardando la sequenza di foto Alonso non tocca la zona verde con nessuna ruota, la vettura non ha nulla di strano, l’unica cosa che ho visto è che andava più piano. Né la prima né la seconda frenata sono di Alonso”. Anche Sebastian Vettel, che percorreva in quel momento la stessa curva ha parlato di “incidente strano”.

La monoposto ha subito una decelerazione di oltre 15G, come dimostra la spia accesa sulla sua McLaren. Come da procedura, Alonso è stato trasferito prima al centro medico del circuito, poi in elicottero in ospedale per ulteriori accertamenti che hanno dato esito negativo. Dopo alcuni giorni di degenza a causa del doppio colpo al casco subito nell’impatto che ha causato una temporanea perdita di memoria, il pilota è stato dimesso. I medici hanno vietato ad Alonso di riprendere regolarmente i test, costringendolo ad alcuni giorni di totale riposo. Non è da escludere in assoluto un suo forfait nel primo Gp della stagione in Australia, previsto per il 15 marzo.

Alonso ha voluto rassicurare tutti pubblicando un breve video in rete. Ma tra voci di corridoio e testimonianze discordanti è davvero necessario che la Fia faccia chiarezza sul caso per non destare dubbi sulla garanzia di piena sicurezza per i piloti prima dell’inizio della stagione, soprattutto dopo l’incidente occorso a Jules Bianchi lo scorso anno.

Vuoi commentare l'articolo?

alessandro de luca

Curioso e assetato di notizie