Sanremo, outfit seconda serata: poca eleganza, tanti scivoloni

E anche la seconda serata del Festival di Sanremo è passata; le canzoni sono state incorniciate dal talento ma anche dal look degli artisti, non sempre azzeccato. Alcuni, tra ospiti e interpreti in gara, si sono distinti per eleganza e sobrietà. Alcuni, appunto. Ecco allora le pagelle di LineaDiretta24 agli outfit di questo secondo appuntamento.

Francesca Michielin: 2. La cantante ha deciso di esordire sul palco dell’Ariston in stile “casa nella prateria”. Abbigliamento davvero pessimo per Francesca, che ha sfoggiato una salopette con pantaloni larghi, camicetta rosa a fantasia rigorosamente chiusa fino all’ultimo bottone, sandalo con tacco e tanto di calzino in bella vista. Cara Michielin, speriamo sia la prima e ultima volta che ti conci così perché il “grado di separazione” lo hai avuto con lo stilista!

Madalina Ghenea: 4. La valletta del Festival ha indossato un abito lungo color “azzurro principessa delle fiabe” che brillava quanto la scarpetta di cristallo di Cenerentola. Ha tentato di ironizzare dicendo: “Mi hanno detto che assomiglio a Elsa di Frozen, ho fatto felici i bambini”. Stare sul palco dell’Ariston è come vivere una favola, è vero, ma lei questa affermazione l’ha presa troppo alla lettera.

Eros Ramazzotti: 5. Completo scuro per il cantante ospite, grande pecca i pantaloni che di elegante avevano davvero poco. L’elastico alto sulla caviglia li rendeva troppo sportivi per una serata sanremese e le stringate con le borchie non hanno fatto che peggiorare il suo look. Eros, hai provato a fare “l’elegante alternativo”. Non ci sei riuscito.

Elio e Le Storie Tese: 7. Look total pink per Elio e Le Storie Tese che si sono presentati con dei completi molto eccentrici dalle diverse sfumature del rosa. Outfit che non poteva essere portato da chiunque e che loro hanno saputo indossare con energia, rendendolo adeguato al loro stile.

Patty Pravo: 8. Come le sue partecipazioni al Festival di Sanremo. Cantante storica con un look moderno, il vestito nero e oro ha valorizzato la sua figura. Unica pecca, forse, lo stivale basso e chiuso sotto l’abito da sera.

Nikole Kidman: 9. L’attrice internazionale, ospite della seconda puntata di Sanremo 2016, ha portato una ventata di bellezza ed eleganza. Abito total black per lei, con ampio scollo dietro la schiena, acconciatura raccolta da un lato e collana di brillanti che le illuminava il volto. Poteva osare leggermente di più, ma l’abito incorniciava alla perfezione la sua bellezza rendendo giustizia alla sua raffinatezza.

Ezio Bosso: 10. Il pianista, compositore e direttore d’orchestra ha portato il suo talento sul palco dell’Ariston con una sobria eleganza, ma sopratutto con un’accessorio perfetto: il sorriso.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore 

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.