Raggi a rischio processo per falso e abuso d’ufficio

Virginia Raggi a rischio processo. Il sindaco di Roma torna nell’occhio del ciclone. Nel pomeriggio di martedì 20 giugno è stata recapitata al primo cittadino romano la notifica prevista dal 415bis, atto giudiziario che prelude la richiesta di rinvio a giudizio. I fatti contestati dai giudici riguardano, ancora una volta, le nomine di Salvatore Romeo e Renato Marra. La Raggi sarebbe indagata in concorso con il primo per abuso d’ufficio per quanto riguarda la nomina a capo della segreteria: Romeo passò in quell’occasione da uno stipendio annuo pari a 39000 (derivante dalla sua posizione di funzionario del Dipartimento partecipate) a una busta paga di circa 120000 euro poi scesa, tramite un intervento dell’Antitrust a 93000 euro.

Raggi a rischio processo anche per falso. Complice la nomina al dipartimento turismo del fratello di Raffaele Marra, Renato, poi revocata. Inizialmente la Raggi ha dichiarato di aver agito in autonomia: questa posizione è ora messa in discussione dai giudici che, attraverso l’esame delle chat del cellulare di Marra, avrebbero scoperto che Virginia Raggi non ha avuto alcun ruolo nella nomina dello stesso, oltre a essere totalmente inconsapevole dell’aumento di stipendio di cui questo avrebbe beneficiato.

torna alla homepage di lineadiretta24

leggi altri articoli dello stesso autore

@federicolordi93

Vuoi commentare l'articolo?

Federico Lordi