Madre Teresa proclamata santa dal Papa: “Sempre vicina ai poveri di Calcutta”

Presenti oltre 100 mila persone, tra cui 13 capi di Stato e di governo, alla cerimonia di canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta. La consacrazione si è svolta nella mattinata di ieri, durante la messa in piazza San Pietro, in cui Papa Francesco ha raccontato l’infinita dedizione di Madre Teresa verso le persone più deboli e povere. È stata fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della carità, ed era e continua ad essere l’icona mondiale della lotta contro la povertà.

Nel discorso che ha preceduto la formula di canonizzazione per santificare Madre Teresa di Calcutta, Papa Francesco ha ricordato anche tutti i volontari a servizio dei bisognosi che offrono un contributo costante alla diffusione della parola di Dio. «La sequela di Gesù è un impegno serio e al tempo stesso gioioso; richieda la radicalità e coraggio per riconoscere il Maestro divino nel più povero e mettersi al suo servizio. Per questo i volontari che servono gli ultimi e i bisognosi per amore di Gesù non si aspettano alcun ringraziamento e nessuna gratifica, ma rinunciano a tutto questo perché hanno scoperto il vero amore.» e poi aggiunge: «Quanti si pongono al servizio dei fratelli, benché non lo sappiano, sono coloro che amano Dio. Madre Teresa si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato; ha fatto sentire la sua voce ai potenti della Terra, perché riconoscessero le loro colpe davanti ai crimini, della povertà creata da loro stessi. La misericordia è stata per lei il sale che dava sapore a ogni sua opera, e la luce che rischiarava le tenebre di quanti non avevano più neppure le lacrime per piange la loro povertà e la loro sofferenza.» La cerimonia si è conclusa con gli applausi di una piazza gremita di persone, mentre Papa Francesco ha salutato i fedeli presenti, facendo il giro della piazza San Pietro e Paolo.

Torna alla HomePage Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @valeriasantare2

Vuoi commentare l'articolo?

Valeria Santarelli

Classe 1994, nasce sotto il segno del Leone di cui rispecchia i pregi ma anche i difetti: vede il mondo in bianco o in nero, in sintesi non la vedrete mai vestita di grigio! A breve laureata in Lettere, da sempre appassionata di libri, cinema e scrittura, ha le idee molto chiare su quello che farà in futuro e spera di vederle realizzate. Follemente attratta dalle cose belle della vita, sogna di viaggiare in tutto il mondo e di potersi definire giornalista un giorno.