iPhone X: si scatena l’ironia del web per il prezzo assurdo (GALLERY)

Ironia web iPhone X. A pochi giorni dalla presentazione dell’iPhone X, punta di diamante degli ultimi modelli di casa Apple lanciato in occasione del decennale dell’introduzione dell’iPhone, la proverbiale ironia social non si è fatta attendere così che sulla rete hanno cominciato a circolare sin da subito fotomontaggi con divertenti frasi che giustificherebbero il prezzo assurdo dell’ultimo dispositivo Apple. Una carrellata di battute che ironizzano sulle funzionalità “miracolose” che per forza di cosa deve avere, quello che dopo tutto è solo un telefono, per costare nientemeno che 1189€ e 1359€ per la versione da 256 GB. Un prezzo che ha dell’inverosimile se si considera la crisi economica che (ancora) attanaglia il paese e che queste cifre molto spesso sono ben lontane dall’esser simili a uno stipendio mensile di pressoché qualsiasi lavoratore italiano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se fino a qualche anno fa una famiglia era disposta a spendere una cifra tanto alta era senza dubbio per qualcosa di davvero indispensabile, come quando negli anni ’50 fu lanciato il mitico frigorifero Bosch al prezzo, altissimo, di un milione e mezzo di lire, e raggiunse picchi di vendita inimmaginabili. Oggi invece la smania di dover possedere a tutti i costi l’ultimo modello iPhone, che esula dalle indispensabili funzioni di fare una telefonata urgente, travolge moltissime persone che sono disposte anche ad indebitarsi e pagare a rate pur di averlo, di vendersi al mercato nero madri e sorelle e addirittura, purtroppo pura verità, di cedere letteralmente un rene. Tutto questo solo per stringere tra le mani un dispositivo elettronico che può permettersi il lusso di rompersi se cade a terra o tocca una goccia d’acqua perché ebbene sì, bisogna saperlo, se si entra in mare con l’iPhone X, le acque non i separano in due…

Torna alla HomePage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@vale_gallinari

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Gallinari

Nata in una città di mare, da quando vive a Roma si domanda se la presenza dei gabbiani in giro per il centro, sia l'inequivocabile presagio della fine del mondo...Laureata in storia dell'arte, ama la fotografia, le vecchie polaroid, il cinema e il mercato di Testaccio di sabato mattina. Aspirante giornalista, trascorre il suo tempo tra gatti e mostre fotografiche, ma soprattutto a sperare che questo sogno diventi realtà.