Escursionista precipita durante arrampicata: deceduta dopo caduta di oltre 30 metri

Un’escursionista 52 enne residente a Mondovì (Cuneo) è deceduta ieri sera, intorno alle 19, a causa delle conseguenze di una terribile caduta avvenuta mentre stava arrampicando nella falesia di Roccavione. La Donna, per motivi ancora da accertare, è precipitata nel vuoto per oltre 30 metri, sotto gli occhi increduli del compagno di scalata. Nonostante i soccorsi siano stati allertati immediatamente, gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico del Piemonte, intervenuti con un elicottero già presente in zona per via di un altro intervento, non hanno potuto che constatare il decesso della donna a causa delle terribili conseguenze dell’impatto.

La dinamica dell’incidente resta ancora un mistero, i carabinieri di Borgo San Dalmazzo stanno indagando sull’accaduto per cercare di ricostruire i fatti. Al momento ancora non sappiamo se la Donna fosse un’escursionista esperta o se magari fosse sulla falesia proprio per fare pratica. Non possiamo nemmeno dire con certezza se il tutto sia riconducibile ad un errore umano, ad un malore o ad un difetto nell’attrezzatura. Probabilmente nelle prossime si saprà qualcosa in più su questa tragedia.

La falesia di Roccavione, sulla scheda del sito cuneoclimbing.it aggiornata al 2012, è presentata come una delle più vecchie palestre di roccia del cuneese assieme a Miroglio. La difficoltà delle vie di arrampicata è omogenea su tutto il trio e le pareti sono tutte verticali o strapiombanti. La cosa più interessante che abbiamo trovato nella scheda di presentazione è il passaggio in cui viene sottolineato come a causa dell’esposizione sud-ovest sia quasi impossibile arrampicare nel tardo pomeriggio / sera dei mesi estivi, elemento che  forse potrà dare qualche strumento in più agli inquirenti nella ricostruzione di questo terribile episodio.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Escursionista precipita durante arrampicata: deceduta dopo caduta di oltre 30 metri

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.