Formigoni, “associazione a delinquere” per il caso Maugeri

L’analisi dei conti correnti di Formigoni, infatti, ha evidenziato l’assenza di importi di denaro in restituzione, contro gli 8milioni di euro ricevuti sotto forma di utilità in viaggi, utilizzo di yatch, biglietti aerei, alberghi e quant’altro. Il governatore non è l’unico accusato: assieme a lui altre diciassette persone (alcune facenti parte della Fondazione Maugeri) tra cui l’ex assessore alla Sanità della Lombardia Antonio Simone, il faccendiere Pierangelo Daccò, Nicola Maria Sanese, Carlo Lucchina, direttore generale dell’assessorato alla Sanità, e Alberto Perego, amico del presidente.

Questi gli indagati che avrebbero partecipato ai ‘Caffè Sanità’, il nomignolo (trovato nelle e-mail sequestrate dalla procura) delle riunioni nelle quali si stabilivano i favoritismi per le due strutture. Per i diciassette accusati, oltre l’ associazione a delinquere, le altre accuse a vario titolo sono quelle di riciclaggio, interposizione fittizia e di frode fiscale. La replica di Formigoni non si è fatta attendere e sembra essere piena di risentimento e sarcasmo: <<Dopo un anno e mezzo potrò finalmente conoscere gli atti con i quali si pensa di potermi accusare, la tempistica della Procura è come sempre molto efficiente. Che cosa non si fa per cercare di coprire lo scandalo Mps che rischia di travolgere la sinistra? Così in ventiquattro ore si incriminano Scaroni e Orsi, si condanna Pollari, si continua a distruggere l’Ilva, si depositano gli atti per me. Pensavo mi accusassero anche di omicidio e di strage, e quindi posso dichiararmi soddisfatto>>.

L’ex governatore, inoltre, difende il proprio operato e quello dei suoi collaboratori ma, nel farlo, si esprime in modo poco limpido: <<Nessun euro di denaro pubblico è stato sperperato; la nostra amministrazione esce da questa indagine come del tutto corretta, anzi con lo stigma dell’efficienza che i cittadini lombardi e di molte altre parti d’Italia hanno potuto apprezzare in questi anni>>.

 

di Alessandra Corsini

Vuoi commentare l'articolo?

Alessandra Corsini

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->