Oggi Anna Frank è palestinese

Il rancore mai sopito tra israeliani e palestinesi, che ormai da tre settimane con la forza sbilanciata delle armi nelle mani di un popolo si è trasformato in genocidio dell’altro, lascia rincorrersi in un’asta al rialzo il numero dei morti, quasi tutti civili palestinesi. Sembra impossibile che davanti all’uccisione di giovani e inermi corpi di civili ci sia chi continua a sentirsi dalla parte del giusto, determinato ad andare avanti con le azioni militari. Ecco cosa accade quando si traccia una linea che divide i buoni dai cattivi, il giusto dallo sbagliato; il manicheismo rende tutto più semplificato ma anche molto più distante dalla verità. Il disegno poi regge se giustificato da un progetto che abbia un fine nobile, e allora diventa quantomai necessario travestire una pragmatica lotta per la terra in una aureolata guerra di religione. {ads1}

Se per anni abbiamo assistito al filo-israelismo che cavalcava l’onda della paura del terrorismo, anche il fronte filo-palestinese si infarcisce oggi di accuse e pregiudizi, tanto che a Roma sono ricomparse scritte antisemite e l’ex eurodeputato Gianni Vattimo ha definito Israele «peggio di Hitler» fino a dire che «ci vorrebbero più morti israeliani». In mezzo a questo fuoco incrociato si perdono però, per mancanza di attenzione verso ciò che esce fuori dallo schema pretracciato, tutte le voci sparute. La cantante israeliana Noa aveva osato dire la sua: «Ho incontrato Abu Mazen a Ramallah. Credo che il leader palestinese voglia veramente la pace con Israele, ma purtroppo non posso dire lo stesso del mio premier». Tanto è bastato perché l’associazione “Adei-Wizo – Donne ebree d’Italia” cancellasse il concerto di Noa previsto per il 27 ottobre a Milano.

Oltre agli ebrei che censurano chi boicotta la guerra definendolo traditore ci sono anche quelli che manifestano per la pace. A Zurigo un gruppo di una trentina di ebrei ha indetto una manifestazione contro la guerra a Gaza. A organizzarla l’associazione “Voce ebrea per una pace giusta fra Israele e Palestina”. Su un volantino si poteva leggere: «Ci sentiamo solidali con le voci, spesso ignorate, di chi vuole la pace e il rispetto dei diritti umani in Israele e in Palestina». In quella West Bank dove i diritti umani sono stati cancellati, la differenza maggiore non è più determinata dalla religione ma dall’appartenenza la popolo che attacca o a quello che subisce. Al primo appartengono tanto Hamas quanto le milizie israeliane, al secondo tutti gli altri. E in effetti a guardare i giovani palestinesi innocenti che si rannicchiano tra le macerie non si fa fatica a scorgere una piccola Anna Frank che custodisce i suoi diari e si tura le orecchie spaventata quando esplodono le bombe.

Twitter: @Fra_DeLeonardis

Vuoi commentare l'articolo?

Francesca De Leonardis

Nata a Pescara il 6 Agosto 1986, sono cresciuta a libri e Nutella. Prima di approdare su LineaDiretta24 ho lavorato come reporter per la web tv Uniroma Tv e mi sono innamorata del microfono tanto quanto della penna. Lettrice ossessivo-compulsiva, ho sempre un libro in borsa. Sogno di svegliarmi Katy Perry o analista politica, nel frattempo faccio la giornalista. Non fiori ma mazzi di scarpe.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->