Massimo Zedda è sindaco di Cagliari al primo turno

Massimo Zedda è di nuovo sindaco di Cagliari. Exploit senza ballottaggio, ottiene più del 50,9% dei voti. È l’unico ad ottenere tale straordinario risultato in questa tornata di elezioni amministrative.

 

Barricato per scaramanzia nel suo ufficio, al terzo piano del municipio, la storia di Massimo Zedda ci racconta la buona politica, quella romantica fatta di buona amministrazione e schiaccianti vittorie. Già eletto sindaco di Cagliari nel 2011, Zedda era stato incoronato all’epoca sindaco più giovane d’Italia. Classe 1976, è il primo candidato a Cagliari ad essere appoggiato completamente da una coalizione di centrosinistra, in una roccaforte storicamente di destra. Laureato in giurisprudenza, inizia la sua carriera politica nel 1966 militando nel Pds e ottenendo la carica di segretario giovanile. Nel 2006 viene eletto al Consiglio comunale di Cagliari e nel 2009 si candida con la lista “La Sinistra” stavolta come consigliere regionale. Nel 2011 viene eletto sindaco di Cagliari, in quota a quella corrente di sindaci arancioni che in quello stesso anno vide l’elezione di Pisapia a Milano e di De Magistris a Napoli.

 

Una vittoria schiacciante insomma, quella di Massimo Zedda, ma per nulla scontata dato il numero di avversari (otto) e il numero di liste, tra cui quelle del suo principale avversario, Piergiorgio Massidda, esponente del centrodestra che era riuscito a metterne insieme ben 14.  Massidda, deputato e senatore di Forza Italia e del Pdl, aveva così dichiarato: «Ho dalla mia parte dei fondatori di Sel, dell’Ulivo e di M5S Sardegna», contando di giocarsi il testa a testa al ballottaggio e tuttavia arrestandosi al 32% dei voti. Zedda invece, è volato oltre al 50%. Dalla sua i lavori sul litorale cagliaritano, che con lui ha cambiato volto: «Abbiamo amministrato bene la città, con noi è cambiata e abbiamo ancora molto da fare», aveva dichiarato il sindaco. A onor del vero, il suo non è un curriculum senza macchie: punge il suo coinvolgimento nel 2013 nell’inchiesta sul Teatro Lirico di Cagliari, con le accuse di falso e abuso d’ufficio per presunte irregolarità nella nomina del nuovo sovraintendente del teatro indagini attualmente ancora in corso.

Massimo Zedda

A livello politico tuttavia la vittoria dell’enfant prodige della politica sarda lancia un segnale forte: vince l’alleanza Sel-PD quando c’è e quando ha buoni candidati da schierare in campo. Cagliari e Zedda ne sono l’esempio, anche nelle scelte amministrative coraggiose: dal litorale al Gay Pride al Poetto sino alla riqualificazione della “passillara” adibita al ristoro e al relax.  Un sindaco giovane e capace che come molti altri affida il suo commento ai social network, quasi ricalcando Obama nello stile: «Avanti insieme, fino al 2021». Una favola politica, speriamo replicabile in molte altre città.

Massimo Zedda

@FedericaGubinel

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vai alla home page di LineaDiretta24.it

Vuoi commentare l'articolo?

Federica Gubinelli