La Festa di Roma: guida per il Capodanno nella Capitale

12 istituzioni coinvolte, 24 ore di festa, 18 di spettacolo che prenderanno vita lungo 10 chilometri e ben 500 artisti che renderanno La Festa di Roma realtà. Sono questi i numeri del Capodanno Capitolino rimasto orfano del classico Concertone a Circo Massimo. Tanti artisti, diversi spettacoli, ma anche tante polemiche, la festa di 24 ore che inizierà alle 22:30 del 31 dicembre ha attirato su di sé l’attenzione mediatica non soltanto in positivo. Nonostante tutto La festa di Roma è pronta a partire e la sindaca Virginia Raggi ha dichiarato :”Con ‘1 gennaio aspetteremo l’alba e fino a sera ci ritroveremo per una festa lunga un giorno tra storia, contemporaneità e comunità”.

La Festa di Roma: il programma…

la festa di roma

Il Lungotevere, insieme ai ponti storici di Roma- Ponte Sant’Angelo, Ponte Sisto, Ponte della Musica e Ponte della Scienza- saranno il palcoscenico a cielo aperto per ben 500 artisti. Per l’occasione sono state montate diverse installazioni, giochi di luce, palchi e strutture dove verranno realizzati dei laboratori per bambini. Le performance artistiche che si susseguiranno durante tutta la durata de La Festa di Roma sono disparate: dal teatro, alla musica, passando per il ballo e per le esibizioni circensi. Tra i nomi degli artisti che prenderanno parte a quest’evento spiccano quelli di: Ascanio Celestini, attore teatrale, regista, scrittore e drammaturgo; Massimo Popolizio, attore e voce italiana di Lord Voldemort in Harry Potter e di Tom Cruis in Eyes Wide Shut; Ambrogio Sparagna, musicista e autore di diversi saggi sulla musica popolare e il jezzista Giovanni Guidi. Restando in tema di musica durante La Festa di Roma si esibiranno anche: l’Orchestra di Piazza Vittorio, un coro Gospel, la Testaccio Jazz Orchestra e un quartetto di sax.

L’inizio della Festa è programmato per le 22:30 presso il Circo Massimo, dalle 3 del mattino tutto si sposterà lungo il Tevere fino alle 22 del 1 gennaio. Diversi Dj set di musica dance, elettronica e di sperimentazione jazz animeranno i Ponti dalle 3:30 fino alle 6:30 del mattino, orario in cui entreranno in scena i 100Cellos, musicisti che saranno capitanati dal maestro Enrico Melozzi.

La mattina del 1 gennaio sarà dedicata ai più piccoli: dalle ore 10:00 sul Ponte della Musica prenderà vita il progetto GiocaJazz di Massimo Nunzi per avvicinare i bambini alla musica con diversi giochi; dalle ore 11:00 fino alle 12:00 diversi concerti si alterneranno a momenti di lettura animata promossi dalle Biblioteche di Roma. Sul Ponte della Scienza si svolgerà un laboratorio per ragazzi sulla matematica, seguito da letture di filastrocche e fiabe.

Nel pomeriggio il Ponte della Musica sarà il palco dell’Accademia Nazinale di Santa Cecilia, mentre il Ponte della Scienza si animerà con il tango e lo swing. Su Ponte Sant’Angelo invece saranno le statue a paralre, prenderanno vita grazie alle parole di alcuni scrittori come Erry De Luca e veicoleranno messaggi di augurio e speranza. Anche le arti circensi contribuiranno alla programmazione del La festa di RomaCapodanno Capitolino, nel tratto pedonale che va da Ponte Vittorio Emanuele a Ponte Garibaldi avranno luogo una serie di spettacoli a cura degli artisti e acrobati di A.D.A Performance, accademia nata nel 1995 da una idea di Miriam Abutori (danzatrice, attrice e performer) specializzata nella danza sui trampoli. Diversi gli show che intratterranno gli spettatori con performance di filo teso, giocoleria, trampolieri e acrobatica a cura di artisti internazionali e nostrani come quelli della compagnia Bombelaya Show. Dalle 19:00 alle 21:00 sarà il momento del teatro con Massimo Popolizio e Ascanio Celestini. 

Qui il programma completo

… E le polemiche.

la festa di romaTanti artisti, altrettante esibizioni, ma anche molte polemiche quelle che si porta dietro questa Festa di Roma; a provocare l’ondata di indignazione è stato l’annuncio pubblicato sul sito web del Comune che recitava così:” Si specifica che, durante le esibizioni, non potranno essere veicolati messaggi pubblicitari o politici, né potranno essere svolte attività di commercializzazione di prodotti di consumo.La partecipazione è a titolo gratuito, ogni onere della performance sarà a carico del partecipante, durante le performance non sarà possibile raccogliere offerte.”. Un Capodanno all’insegna dell’arte e dei messaggi che questa, in ogni sua forma, può veicolare senza riconoscere però, sotto il punto di vista economico, alcun riconoscimento agli artisti stessi che, con il loro talento, renderanno possibile La Festa di Roma.

L’annullamento del Concertone e a seguire questo annuncio non hanno fatto di certo una buona pubblicità alla Raggi nel suo primo Capodanno da Sindaca di Roma; per salvarsi in corner è stata apportata una modifica sulla pagina istituzionale del del Comune di Roma:” Si precisa che la partecipazione degli “artisti di strada” all’evento, è consentita e benvenuta e tutti coloro che esercitano questa particolare forma d’arte facendo comunicazione preventiva agli uffici del Dipartimento. Ovviamente, ma ciò è intrinseco alla natura dell’arte di strada ed è esplicitamente previsto nel Regolamento capitolino, “l’artista di strada (…) non potrà richiedere il pagamento di compensi di qualsiasi natura (…)” ma può accettare libere offerte dal pubblico  Dunque la cosiddetta “offerta a cappello” è consentita”. Dopo la fuga degli sponsor per il Concertone c’è stato anche il rischio della fuga degli artisti di strada per La Festa di Roma ai quali è stata data la “consolazione” dell’offerta a capello.  

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il mondo. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.