Mondiali di Beaver Creek: la classe non è acqua