Ecuador: per Correa è guerra di troll