Sanremo 2015, gli ospiti e i momenti salienti

Sanremo 2015, gli ospiti e i momenti salienti

Si è conclusa da poche ore la prima serata del Festival di Sanremo. Una prima variegata, dove in più di un frangente la musica ha lasciato spazio a momenti alla “C’è posta per te”.

Ad aprire la scena canora è stata Chiara: la cantante dalla chioma accesa ha saputo aprire questo Festival in maniera molto disinvolta e piacevole con la sua “Straordinario”. Entrata in scena un po’ meno convincente per Emma (che oltre all’outfit discutibile aveva addosso un po’ troppa emozione) e, dopo l’esibizione di Gianluca Grignani, arriva il momento di Arisa. La cantante ha giocato con disinvoltura sulla sua poca abilità sui tacchi nello scendere la scalinata, abbastanza spigliata ha sfoggiato un abito rosso che ha fatto impazzire i social per un piccolo particolare: Arisa non indossava il reggiseno. Taglio corto – come sempre- ma alla moda e adatto al suo volto, trucco impeccabile, abito molto elegante, ma la scelta di non indossare il reggiseno forse non si addice molto al suo decollete generoso, tanto che, quando ormai già circolavano diversi cinquettii pungenti al riguardo, nella seconda uscita Arisa è corsa ai ripari.

L’esibizione di Alex Britti è stata in linea con il suo stile e non ha regalato particolari emozioni, come d’altronde il momento in cui è salita sul palco la famiglia più numerosa d’Italia. Gli Anania, con i loro 13 figli, hanno riempito nel vero senso della parola la scena del Festival –  anche se il capofamiglia ha riempito le orecchie solo di lodi al Signore facendo rumoreggiare il pubblico non proprio felice del frangente alla “Barbara D’Urso”. Malika Ayane e Rocìo Munoz Moralez hanno risollevato gli animi degli spettatori: la valletta è stata una dolce sorpresa e con le sue battute in spagnolo ha dimostrato grande spigliatezza oltre che classe ed eleganza. La voce straordinaria di Malika si conciliava perfettamente con le note dolci della sua “Adesso è qui”. Peccato che Tiziano Ferro sia stato solo un ospite e non un cantante in gara, la sua esibizione è stata impeccabile e molto apprezzata dal pubblico; più criticata invece la performance di Siani, in particolare la sua battuta nei confronti di un bambino seduto in platea :”Ce la fai ad entrare nella poltrona? Da lontano pensavo fosse una comitiva!”. La battuta è stata aspramente criticata sul web, ma poche ore dopo sull’account twitter del Festival di Sanremo è apparsa una foto “riparatrice” che ritraeva Siani con il bambino in un camerino dell’Ariston sorridenti con scritto: ”Un amico di Siani”. Che la battuta fosse già preparata o meno non è stata comunque apprezzata.

Il momento tanto atteso della reunion di Al Bano e Romina sul palco non ha deluso le aspettative, i due si sono esibiti in un medley iniziato con “Cara terra mia “ e “Ci sarà”, concluso con l’immancabile “Felicità”. C’è stato un attimo di imbarazzo quando Carlo Conti ha chiesto ai due ex coniugi di darsi un bacio, Al Bano se l’è cavata con un “Sono riservato” e un fugace finto bacio sulla guancia a Romina. Forse la richiesta di Conti è stata un po’ fuori luogo, ma non ha rovinato il momento. Altro ospite del Festival è stato Fabrizio Pulvirenti, il medico guarito dal virus ebola che con la sua testimonianza ha portato un messaggio molto forte sul palco dell’Ariston: ”Sono diventato un simbolo solo perché sono un italiano, un europeo”, ricordando di come la parte ricca e fortunata del mondo debba aiutare chi vive nella parte meno fortunata del pianeta. Ottima anche l’esibizione degli Imagine Dragons che non ci hanno fatto rimpiangere il rifiuto dei Pink Floyd.

sanremo-586x326

I Dear Jack forse ancora non sono abbastanza “maturi” per un palco come quello dell’Ariston, la categoria Big non era in linea con la loro esibizione più da “nuove proposte”; Lara Fabian invece ha sfoggiato una grande voce, ma il testo della canzone era quasi incomprensibile. Forse tra le tante lingue in cui la cantante si è esibita in passato l’italiano non era la più adatta per il suo brano.

Nek ha portato sul palco una sferzata di energia, mentre Grazie Di Michele e Mauro Coruzzi sono stati estremamente intensi nell’interpretazione del brano “Io sono una finestra” nonostante si siano classificati nel gruppo a rischio eliminazione. Tra i primi sei della classifica invece c’è Annalisa che è stata molto sobria e pulita, insieme a Chiara, Nesli, Nek, Malika Ayane e i Dear Jack.

A Carlo Conti il ruolo di padrone di casa è riuscito bene, un pò meno quello della valletta a Emma; vedremo se si riprenderà nelle prossime serate e sopratutto chi dei primi 10 Big che si sono esibiti sarà eliminato.

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.