Aumentano gli anni e anche le spese farmaceutiche!

L’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) ha pubblicato il Rapporto relativo all’utilizzo dei medicinali in Italia nel primi nove mesi del 2015. I dati che sono emersi hanno dimostrato un notevole aumento sulla spesa farmaceutica territoriale pubblica: +9,6% rispetto al 2014, raggiungendo i 9.727 milioni di euro (159 euro pro capite). L’aumento della spesa farmaceutica è dovuto principalmente a due fattori: l’allungamento della vita media e quindi l’invecchiamento della popolazione e la cronicizzazione di diverse patologie. In particolare è aumentata la spesa per i medicinali di classe A erogati in distribuzione diretta, mentre è stato registrato un calo nel fatturato della spesa farmaceutica convenzionata.

Andando nel dettaglio le regioni che hanno registrato la spesa più elevata di farmaci di classe A-SSN sono: la Campania (67,5 euro pro capite), la Puglia (161,6 euro) e la Calabria (158,6 euro); mentre la spesa pro capite più bassa è stata registrata da Bolzano, Emilia Romagna e Toscana. Anche nel 2015 i farmaci che hanno influito maggiormente sulla spesa pubblica sono stati quelli oncologici e immunomodulatori, seguiti da quelli antimicrobici che superano quelli per il sistema cardiovascolare. Alla luce dei dati emersi dal Rapporto il Direttore Generale dell’AIFA Luca Pani ha dichiarato :” I dati relativi ai primi tre trimestri del 2015 riflettono chiaramente l’impatto che i medicinali innovativi ad alto costo immessi sul mercato lo scorso anno – tra tutti gli antivirali e gli antitumorali – sta avendo sulla spesa farmaceutica, in particolare su quella ospedaliera”.

Vai alla Home Page di Lineadiretta24.it 

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.