Sanremo: Totti superstar sul palco dell’Ariston

Sanremo: Totti show

Composta e ironica, come sempre la presenza del capitano Francesco Totti in grado di regalare brio in ogni situazione; e di certo non poteva non farlo sul palco dell’Ariston. «Nello spogliatoio una volta i miei compagni mi hanno fatto uno scherzo: mi hanno tagliato le dita dei calzini, indossandoli sembravo Padre Pio». Iniziano così le frasi ironiche del numero 10 che alla domanda di Maria De Filippi «Te la senti di presentare?» lui risponde con disinvoltura: «Sicura? Stiamo in diretta!»

Sanremo: Totti superstar

Arriva poi successivamente un’intervista più approfondita in cui le domande a ritmo incalzante si susseguono rapide lasciando spazio momenti più seri e ad altri ironici. «Ti ricordi il film Proposta Indecente? – gli domanda Maria e continua – Accetteresti la proposta di un milionario di passare una notte con la donna della tua vita?» Lui senza esitare risponde: «Non accetto perché sono troppo geloso dei miei valori». Subentra poi Conti e gli chiede: «Se un giorno scopri che tuo figlio Cristian ha una maglia della Lazio che fai?» Francesco risponde immediato: «Se ha fatto questa scelta lo rispetto, ma è impossibile». Immancabile poi la domanda del conduttore Conti, di fede calcistica fiorentina, che esordisce: «Per far vincere lo scudetto alla Roma accetteresti di cantare l’inno di un’altra squadra?» A primo impatto il capitano risponde sì, ma poi si rifiuta di cantare l’inno della Fiorentina ironizzando sulla questione: «Chi me lo assicura a me che vinco lo scudetto?» E infine sul finale si chiude il quadretto ironico al meglio con la domanda di Maria: «Se becchi una vecchietta che ti riga la macchina nuova che fai?» <Lui, pronto, risponde: «Signora continui così la macchina è tutta uguale» e la platea scoppia in una risata comune. Per concludere poi Totti autografa diversi pallonni e li lancia in platea, con la folla che si scatena perché, in fin dei conti, “il pupone è sempre il pupone!”

Torna alla HomePage Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @valeriasantare2

Vuoi commentare l'articolo?

Valeria Santarelli

Classe 1994, nasce sotto il segno del Leone di cui rispecchia i pregi ma anche i difetti: vede il mondo in bianco o in nero, in sintesi non la vedrete mai vestita di grigio! A breve laureata in Lettere, da sempre appassionata di libri, cinema e scrittura, ha le idee molto chiare su quello che farà in futuro e spera di vederle realizzate. Follemente attratta dalle cose belle della vita, sogna di viaggiare in tutto il mondo e di potersi definire giornalista un giorno.