Rigopiano, Arisa canta ai funerali delle vittime [Video]

Rigopiano, Arisa

Era presente anche la cantante Arisa ai funerali delle vittime dell’hotel Rigopiano, in particolare a quello della coppia di sposi Luciano Caporale e Silvana Angelucci. La cantante, entrata in incognito in chiesa, non ha voluto disturbare il raccoglimento e il silenzio della cerimonia. Il funerale si è tenuto nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano di Protomartire e tra gli ospiti erano presenti il comandante provinciale dei carabinieri Luciano Calabrò, il prefetto di Chieti Antonio Corona e diversi carabinieri in alta uniforme con la corona del Presidente della Repubblica.

Una cerimonia commovente che lo è diventata ancor più sul finale quando la cantante Arisa in chiusura della cerimonia ha cantato il suo brano “L’amore della mia vita” dell’album “Guardando il cielo”, uscito lo scorso anno, nel 2016. La scelta del brano è stata dettata dal ricordo di un video diventato virale in cui Silvana e Luciano cantavano in macchina quella stessa canzone durante il viaggio in montagna dello scorso 2 Gennaio.

Emblematico il momento in cui Arisa ha cantato il suo brano “L’amore della mia vita” come omaggio all’amore che ha legato i due giovani sposi. Questo commovente momento è stato ripreso in un VIDEO e la sua diffusione è stata richiesta espressamente dai figli di Silvana e Luciano, Nicola ed Elia, come tributo al forte amore che legava i loro genitori.

Torna alla HomePage Lineadiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @valeriasantare2

Vuoi commentare l'articolo?

Valeria Santarelli

Classe 1994, nasce sotto il segno del Leone di cui rispecchia i pregi ma anche i difetti: vede il mondo in bianco o in nero, in sintesi non la vedrete mai vestita di grigio! A breve laureata in Lettere, da sempre appassionata di libri, cinema e scrittura, ha le idee molto chiare su quello che farà in futuro e spera di vederle realizzate. Follemente attratta dalle cose belle della vita, sogna di viaggiare in tutto il mondo e di potersi definire giornalista un giorno.