Raytheon e Finmeccanica nuovi partner nel settore difesa

Raytheon e Finmeccanica insieme verso il 2017: le due società leader nel settore difesa hanno infatti dato vita ad un’alleanza che le porterà di qui ai prossimi anni a collaborare per la costruzione di 350 nuovi aerei da addestramento per l’aeronautica Statunitense. Notizia di oggi infatti è il nuovo partenariato tra il colosso Americano del settore (quarto al mondo) e l’azienda di Piazza Monte Grappa: l’obiettivo è uscire vincitori dalla gara che verrà lanciata verso la fine del 2016 dal pentagono per il rinnovamento dei mezzi d’addestramento per i giovani piloti dell’aviazione statunitense.

Raytheon
Raytheon, nel ruolo di prime contractor, insieme a Finmeccanica, CAE Usa e Honeywell Aerospace lavorerà allo sviluppo del T-100, veivolo di addestramento che a detta di Filippo Bagnato, capo della divisione velivoli Finmeccanica «offre elevate prestazioni in volo e il suo sistema di simulazione tattica immerge gli allievi piloti in uno scenario di missione estremamente realistico».
Le cifre del contratto fissate per la gara ammontano a diversi miliardi, ma non mancano sicuramente i competitors per la Finmeccanica e soci: Northtrop e la Lockheed Martin dei nostri F-35 sono solo alcune delle grandi società che potrebbero aggiudicarsi la gara lanciata dal governo Americano. In caso di vittoria si stima che gli aerei sviluppati da Raytheon e Finmeccanica dovrebbero essere operativi a partire dal 2030, mentre la fase di sviluppo degli stessi è programmata per partire in un lasso di tempo che corre dal 2018 al 2022.

Vuoi commentare l'articolo?

Federico Lordi